Sei in Archivio

motori

A Torino il Salone "sotto le stelle"

Dal 7 all'11 giugno la terza edizione del "Parco del Valentino"

di Lorenzo Centenari -

02 giugno 2017, 20:53

A Torino il Salone

«Sarà una tra le kermesse automotive più suggestive al mondo». Così il numero uno del comitato organizzatore Andrea Levy, evidentemente sicuro che la terza edizione, più ancora della prima e la seconda, farà saltare il banco. Salone dell’Auto di Torino, manca ormai una settimana: da mercoledì 7 a domenica 11 giugno, il Parco del Valentino diverrà teatro del «motor show» più singolare del panorama europeo. Perché all’aperto, perché completamente gratuito, perché anche sotto le stelle, fino alle 24. Perché, infine, oltre al lato espositivo al Valentino si affianca un programma di intrattenimento degno in effetti di un festival che oltrepassa il semplice mondo dei motori, affermandosi come evento culturale in grado di contagiare per ora una città intera (l’antica «capitale» italiana dell’auto), in futuro - si spera - tutto il Paese.

Oltre a carrozzieri e Centri di stile di prestigio, al Salone del Valentino hanno dato conferma tutti quanti i marchi automobilistici (oltre 50), presenti in forma ufficiale anche se i maxi-stand di Parigi o Francoforte restano su un’altra scala (non più di quattro modelli, pedane da 250 mq massimo). Al Cortile della Reggia Sabauda, fari puntati su due importanti anniversari: i 70 anni di Ferrari e i 90 anni di Volvo. Ma è un Salone «diffuso», che varca i cancelli dell’area verde torinese per colonizzare anche il centro storico e il lungo Po. Sabato 10 il clou col «Gran Premio Parco Valentino», passerella di auto storiche e moderne, a combustione interna o elettriche, di grande serie o in esemplare unico, da piazza Vittorio Veneto alla Palazzina di Caccia di Stupinigi.

Tutti gli eventi saranno accessibili esclusivamente ai visitatori che avranno con sé il biglietto elettronico gratuito scaricabile sul sito internet www.parcovalentino.com, credenziale con la quale si potrà accedere anche allo sconto del 30% per i biglietti di Trenitalia e a una serie di convenzioni con enti e musei torinesi. Se è vero insomma che le anteprime internazionali non sono il piatto forte, il programma è appetitoso (spettacoli, test drive, etc.) e merita un pensiero. Un anno fa, quel pensiero fu seguito dai fatti in 650.000 casi, tanti quanti i visitatori che raggiunsero Torino. Il target 2017 è di 800.000 ingressi: sarebbe un risultato superiore addirittura al Salone di Ginevra.