Sei in Archivio

F1 - CANADA

Duello Ferrari-Mercedes. Raikkonen il più veloce

I primi quattro in appena tre decimi. Tanti testacoda

10 giugno 2017, 00:21

Duello Ferrari-Mercedes. Raikkonen il più veloce

La doppietta Ferrari di Montecarlo è ancora fresca e la Formula 1 si trasferisce a Montreal, altro circuito cittadino, seppure molto diverso da quello monegasco. Lewis Hamilton ha un imperativo: rosicchiare punti a Sebastian Vettel, che alla vigilia del settimo appuntamento iridato lo precede di 25 punti. E le prime due sessioni delle libere hanno fatto intravedere che anche in Canada proseguirà la sfida per la vittoria tra Ferrari e Mercedes, con i quattro piloti racchiusi in appena tre decimi.
Il vice campione del mondo su quella pista ha vinto già cinque volte in nove partecipazioni (le ultime due nel 2015 e 2016 al volante della Mercedes). E’ un tracciato che, grazie alla sua velocità, esalta la guida esuberante del britannico.


Che infatti ha aperto la giornata ottenendo il miglior tempo nella prima sessione. L’asfalto molto sporco ed il poco grip - condizioni inevitabili su un circuito che durante l’anno ospita poche gare - hanno creato problemi a molti piloti e si sono visti tanti testacoda, compresi quelli di Kimi Raikkonen e Vettel. Nella seconda, il più veloce è stato proprio il finlandese della Ferrari, che in 1'12"935 si è messo alle spalle Hamilton (+0.215) e la Rossa di Vettel (+0.265). Quarto tempo per Bottas con l’altra Mercedes (+0.375).


Al mattino Hamilton è partito subito forte, fermando il cronometro sull'1'13"809, unico a scendere sotto l’1'14". Alle sue spalle la Ferrari di Vettel, staccato di 198 millesimi, e il compagno di team Vallteri Bottas (+0.237). Quarto Raikkonen (+0.421). Quinta e sesta le Force India di Sergio Perez ed Esteban Ocon, staccate rispettivamente di 769 e 976 millesimi. I primi sei hanno girato tutti con gomme ultrasoft. Sopra il secondo i distacchi di Verstappen, Massa, Ricciardo e Kvyat che hanno completato la top ten. Ancora un guasto per la McLaren-Honda di Alonso, appiedato alla curva 10. Lo spagnolo si è però rifatto nella seconda sessione, strappando il settimo tempo proprio in chiusura. Avvio dedicato ancora alla messa a punto con gomme supersoft, per poi passare alle simulazioni del passo gara (ultrasoft). Il festival dei testacoda è proseguito, coinvolgendo Bottas, ancora Vettel e Kvyat. La Red Bull di Vestappen si è fermata con il motore in fumo ad un quarto d’ora dalla fine. Possibile problema al cambio per l’olandese, che ha comunque ottenuto il quinto tempo. Bene la Williams con Felipe Massa sesto.