Sei in Archivio

RIMINI

La "squillo"? Deve pagare le tasse (ma non i contributi previdenziali)

13 luglio 2017, 22:38

La

Per la Commissione tributaria provinciale di Rimini, la "squillo" deve versare le tasse allo Stato sul reddito accertato dall’Agenzia delle Entrate. La decisione è stata presa con sentenza sul ricorso presentato da una donna di origine austriaca che esercita il mestiere e alla quale l’Agenzia delle entrate aveva accertato numerosi versamenti in contanti sul conto corrente.

Nei confronti della donna l’ente aveva avviato una verifica relativi ai cospicui depositi in contanti relativi all’anno fiscale 2011. La stessa poi, difesa dall’avvocato Marco Lunedei, aveva dichiarato di praticare la prostituzione, due o tre volte la settimana, tutto l’anno, sul lungomare di Rimini: "i versamenti in contanti provengono da regalie dei clienti". L'Agenzia le ha contestato mancati versamenti Irpef, Iva e contributi previdenziali per un valore di quasi 20mila euro. La donna non ha impugnato le risultanze dell’accertamento bancario, o i versamenti in contanti, ma si è rivolta alla commissione tributaria per contestare l’imponibilità dei ricavi della prostituzione.
La Commissione con sentenza ha ammesso il ricorso per la sola parte dei contributi previdenziali, che quindi la donna non dovrà versare, definendo però legittima la verifica dell’Agenzia delle Entrate con relativo computo delle tasse.