Sei in Archivio

Bologna

Confindustria Emilia Romagna, Pietro Ferrari è il nuovo presidente

17 luglio 2017, 19:15

Confindustria Emilia Romagna, Pietro Ferrari è il nuovo presidente

E’ Pietro Ferrari il nuovo presidente di Confindustria Emilia-Romagna: questo l’esito della votazione che si è tenuta all’Opificio Golinelli di Bologna e che ha sancito il passaggio ufficiale del testimone con Maurizio Marchesini, numero uno degli industriali della regione negli ultimi quattro anni e mezzo. Ferrari è nato a Modena nel 1955, e dopo aver conseguito la maturità scientifica si è laureato in Ingegneria civile edile all’Università di Bologna. Ricopre l’incarico di presidente dell’azienda familiare Ing. Ferrari spa, società leader nella realizzazione di impianti industriali meccanici, elettrici, di celle climatiche e di cleanroom, che compirà a breve il secolo di vita. Consigliere di diverse società (Sesamo Spa, Grid Modena, Saimo) e di Bper Banca, dal 2002 al 2008 è stato vicepresidente di Confindustria Modena e Confindustria Emilia-Romagna, e dal 2008 al 2014 è stato presidente di Confindustria Modena. E’ componente dal 2015 del consiglio generale di Confindustria e dal 2016 del gruppo tecnico credito e finanza di via dell’Astronomia.
«Abbiamo sempre creduto nella regione, abbiamo visto come si fa impresa, abbiamo superato il momento del terremoto, in cui abbiamo cercato di capire cos'è il valore dell’impresa», sono state le prime parole di Ferrari da presidente degli industriali emiliano-romagnoli, a cui ha fatto seguire l’annuncio degli obiettivi: «Consolidare il rapporto con la regione e aumentare se possibile gli investimenti per creare l’occupazione indispensabile per la crescita di tutto il sistema». Infine, un monito: «La crisi non è ancora superata, una parte delle aziende dell’Emilia-Romagna, e non solo, è ancora in difficoltà».
«Lo conosco da tempo, da quando ero presidente nazionale di piccola industria - dice il presidente nazionale di Confindustria Vincenzo Boccia - è una persona di grande cultura associativa, come il presidente uscente Maurizio Marchesini. Farà assolutamente bene per questa regione, per i contributi positivi che darà a Confindustria in termini di proposte e di progetti».
Parere positivo anche per Maurizio Marchesini: «Il mio successore è molto meglio di me, non ha bisogno di nessun consiglio, è un uomo molto esperto, molto positivo, molto serio, son sicuro che farà bene».