Sei in Archivio

COLLECCHIO

La protesta dei residenti: «C'è un'invasione di conigli»

di Gian Carlo Zanacca -

17 luglio 2017, 20:11

La protesta dei residenti: «C'è un'invasione di conigli»

Al Parco Nevicati ci sono troppi conigli: il numero ha superato i duecento e continuano a moltiplicarsi. Di recente, poi, si sono trasferiti anche nei giardini di alcuni condomini del quartiere «I Prati», di fianco al parco, ed è scoppiata la polemica.

C’è chi chiede un piano di abbattimento, altri suggeriscono la cattura e il rilascio altrove. C’è anche chi vorrebbe mettere in atto una campagna di sterilizzazione.

I condomini di un palazzo in fondo a via Togliatti hanno visto aumentare la colonia di conigli. «In un primo tempo – spiega una signora che vive lì – abbiamo accolto con simpatia la loro presenza. Adesso sono dieci i coniglietti che vivono nel prato e creano diversi problemi: scavano buche nella terra, fanno le loro tane e rovinano piante e fiori».

I residenti, insomma, sono sul piede di guerra e chiedono l’intervento del Comune.

«La situazione si sta facendo insostenibile - dice un altro abitante - si potrebbero percorrere due strade, suggerisce qualcuno: catturarli e riportarli al parco o da un’altra parte. La presenza dei conigli al Parco Nevicati è nata dal fatto che qualcuno ha iniziato ad abbandonarli, si sono trovati bene e si sono moltiplicati. Nel quartiere “I Prati” i conigli sono stati visti in alcuni condomini e si sono riprodotti specialmente in uno dei caseggiati». «Qui si sentono al sicuro – spiega una residente del condominio – hanno fatto le loro tane sotto il marciapiede che circonda la casa, un luogo che era stato scelto da una coniglia per partorire i suo piccoli, che poi sono cresciuti qui»

La questione è parecchio sentita, tanto che l'«invasione» dei conigli è diventata argomento di dibattito anche in consiglio comunale. Walter Civetta del gruppo di minoranza di «Liberi e uniti per Collecchio» ha chiesto all'amministrazione di intervenire e predisporre misure contenitive.

L’assessore all’ambiente, Michela Zanetti, ha fatto presente che la situazione non è di facile soluzione e che il Comune intende predisporre un piano ad hoc.

«Siamo stati contattati da alcune famiglie del condomino di via Togliatti – ha spiegato – ci siamo confrontati con i veterinari dell’Ausl. Stiamo valutando le possibili soluzioni che prevedono la cattura dei conigli perché vengano riportati al parco o accolti temporaneamente da qualche parte».

Intanto la presenza dei conigli, anche piccoli, nel condominio in via Togliatti - nella zona dove si trovano le case popolari denominate «la nave» - ha provocato un altro «effetto collaterale»: i gatti del quartiere si sono fatti sotto per alleviare i morsi della fame.

«Nell’attesa di sapere che misure verranno adottate – racconta una signora del condominio – ci ha pensato qualche gatto ad avviare la campagna di contenimento dei piccoli coniglietti».

I conigli hanno cominciato a riprodursi al Parco Nevicati qualche anno fa. I primi esemplari furono abbandonati da qualcuno che non poteva più tenerli in casa. I prati del parco hanno offerto un habitat ideale per i coniglietti che, poi, si sono riprodotti ed oggi sono alcune centinaia. Rappresentano la gioia di molti bambini, ma ormai il loro numero è decisamente troppo elevato anche per grandi spazi del parco.

Il numero eccessivo di conigli rappresenta una minaccia anche per il parco: ci sono buche ovunque, tane scavate nei prati e lungo le siepi; i conigli, poi, possono mettere a repentaglio anche la salute delle piante.

E’ per questo motivo che l’assessorato all’Ambiente intende approntare una politica di contenimento, in accordo con le autorità sanitarie competenti per evitare inconvenienti legati alla loro eccessiva proliferazione.