Sei in Archivio

PIACENZA

La minaccia di stupro e mette le sue foto sui siti porno: 29enne arrestato per stalking

Si tratterebbe di una vendetta per un curriculum non preso in considerazione dalla giovane manager

03 agosto 2017, 19:15

L’ha minacciata di stupro, di morte, di sfigurarla con l’acido. Non solo: le ha rovinato la vita per un anno, prendendo le sue foto e postandole con nome, cognome e numero di telefono, su siti porno e di incontri per demolirne l’immagine. Al termine delle indagini della polizia postale di Piacenza, coordinate dal pm Roberto Fontana, un 29enne di Vicenza è finito in carcere per stalking nei confronti di una giovane manager piacentina, che lavora per un’azienda di ricerca e selezione del personale.
Tutto è nato da un curriculum non preso in considerazione, a detta dello stalker, sul sito dell’azienda: ad una richiesta da un nome maschile era stato risposto in modo scortese, mentre inserendo un nome (falso) femminile la società era stata gentile. La manager aveva risposto al 29enne, che da quel momento l’ha presa di mira. Insulti, foto accostate a organi sessuali maschili, e poi minacce con 11 profili falsi su Facebook, link di pagine porno per mail a società, clienti, banche e uffici.

Nonostante la donna avesse denunciato e nonostante fosse stato diffidato per due volte, ha continuato a vessarla ancora più ferocemente, arrivando a minacciarla di stupro e di gettarle acido in faccia per sfigurarla. Poi ha anche minacciato le due figlie, giovanissime, del compagno.
Un’escalation che ha indotto il pm a chiedere al gip la misura cautelare in carcere, anche a fronte dell’ultimo messaggio che lui le ha scritto e che risale al 28 luglio: «Ti uccido». Ora si trova in carcere.