Sei in Archivio

POLITICA

San Leonardo, Scarpa risponde ai cittadini: "Ecco le nostre proposte. Ma anche voi avete rivotato Pizzarotti"

02 settembre 2017, 18:55

San Leonardo, Scarpa risponde ai cittadini:

Dopo una lettera al Comune inviata da un gruppo di cittadini del San Leonardo per chiedere soluzioni ai problemi del quartiere, Paolo Scarpa risponde elencando una serie di proposte del centrosinistra: un maggiore impiego della polizia municipale nel campo della sicurezza, la creazione del Nucleo Antispaccio, "azioni di rigenerazione urbana" e riqualificazione. Nella sua lunga risposta alla lettera, inoltre, Paolo Scarpa sottolinea che l'Amministrazione Pizzarotti è stata votata anche dai cittadini di San Leonardo, "che ora scrivono, come se nulla fosse successo". 

"Rispondo volentieri alla vostra lettera, ricordando qui di seguito in sintesi le nostre proposte, la cui attuazione permetterebbe una svolta decisa per il quartiere di San Leonardo e per le zone della città più in sofferenza di Parma - dice Paolo Scarpa nel suo intervento -. Lo abbiamo detto sino alla noia e lo ripetiamo: quello della sicurezza è un diritto e, come tale, sfugge alle categorie di destra o sinistra. Le nostre proposte sono a disposizione della Amministrazione che oggi governa la città, con il consenso maggioritario dei cittadini, quelli di San Leonardo compresi, che alla Amministrazione uscente hanno dato ampio credito. E di questo fatto non possiamo che prenderne atto, ricordandolo tuttavia ai cittadini di San Leonardo, che ora scrivono, come se nulla fosse successo". 

"Sulle nostre proposte - continua Scarpa - ribadiamo che occorrono azioni immediate su tre fronti coordinati: azioni di pubblica sicurezza, azioni di matrice sociale e culturale, azioni di rigenerazione urbana. Sul fronte della pubblica sicurezza, riteniamo centrale il ruolo della Polizia Municipale, di diretta dipendenza dell’Amministrazione. La polizia Municipale, da subito, deve essere messa in grado di svolgere un’azione di presidio continuativo del territorio. Il ruolo del Sindaco nel Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica è fondamentale per promuovere azioni di concerto con la Prefettura e le altre forze dell’ordine. Ma il Comune faccia in ogni caso bene la propria parte, con ciò che ha di immediata disposizione, ovvero la Polizia Municipale, i suoi agenti, la loro elevata professionalità, che deve essere valorizzata. Così come occorrono sedi della Polizia Municipale nei quartieri. Inoltre riteniamo che la Polizia Municipale dovrebbe dotarsi di un Nucleo specifico di investigazione Antispaccio, sempre sul modello delle altre città emiliane". 

"Infine - aggiunge Scarpa - importantissime sono le azioni di rigenerazione urbana del quartiere. Crediamo che le aree non completate ed abbandonate delle vecchie Stu (Pasubio e Stazione) e delle aree soggette a piani di Recupero, qualora non se ne preveda rapida attuazione, debbano essere messe provvisoriamente a disposizione per usi pubblici, sistemandole con poca spesa e togliendole al degrado".