Sei in Archivio

BARDI

Trekking di alta qualità grazie al «sentiero ritrovato»

di Erika Martorana -

29 settembre 2017, 01:55

Trekking di alta qualità grazie al «sentiero ritrovato»

Taglio del nastro per il cosiddetto «sentiero ritrovato», che, dall’agriturismo Ca’ d’Alfieri, nel Bardigiano, incrocia più volte la via degli Abati, l’Ippovia dell’Appennino, e diversi sentieri Cai. Antiche «strade» che univano piccole località della vallata, ora ripulite e riaperte per permettere una bella escursione tra castagneti secolari, cerreti, manufatti in pietra, strade lastricate e muretti a secco.

È questo il frutto del lavoro dei proprietari dell’agriturismo Ca’ d’Alfieri, che, con la loro iniziativa, permettono al rinnovato sentiero di candidarsi quale punto di partenza e di riferimento per le escursioni che offre la Val Noveglia. L’evento, intitolato Ca’ d’Alfieri Coast to Coast ed organizzato con la collaborazione dell’Associazione via degli Abati, il Comune di Bardi e l’Associazione Guide ambientali escursionistiche Valtaro e Valceno, ha visto la partecipazione di oltre 50 escursionisti che hanno percorso il sentiero accompagnati da Davide Galli, che ha saputo coinvolgere i partecipanti svelando storie, aneddoti e curiosità. La camminata ha avuto il proprio momento salienti all’arrivo alla vetta del Pizzo d’Oca, grazie ad un panorama mozzafiato, tra i ruderi del villaggio longobardo di Ca’ Pennino, i calanchi delle Tre Croci e la storica via degli Abati, fino ad arrivare all’inaspettato tratto di sentiero con abbeveratoio e lavatoio.

Proprio qui è avvenuto il taglio del nastro, alla presenza del vice sindaco del Comune di Bardi, Alessandro Berzolla, il quale ha sottolineato l’importanza del «racconto» per far valorizzare i luoghi.

Dopo l’aperitivo nel bosco e la meritata pausa pranzo in agriturismo, nel pomeriggio il programma è stato completato con diverse attività: dal Nordic Walking con Antonella Reali per imparare a camminare con l’ausilio di bastoncini funzionali al movimento globale del corpo, al Bouldering sui muri del casale per i più temerari, dalla magica Slackline per equilibristi, al relax finale con Hata Yoga nel prato con vista Val Noveglia. «Visto il successo e la grande partecipazione - hanno fatto sapere gli organizzatori - l’iniziativa verrà replicata a breve. Nel frattempo il percorso è fruibile a tutti». Info: agriturismo Ca’ d’Alfieri, loc. Predario, 29 – Bardi; tel. 0525/77174- 347/8927775; info@cadalfieri.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA