Archivio

MOSTRA

Giovani fotografi «fissano» Juàrez

29 ottobre 2017, 14:07

Giovani  fotografi «fissano» Juàrez

In via La Spezia è nato il Gubo Gallery, nuovo spazio e un nuovo nome che definiscono la Galleria LoppisOpenLab, all’interno del contenitore creativo CUBO. La riapertura, in occasione della tredicesima Giornata del Contemporaneo promossa da Amaci, è stata con la mostra «Giving power to young people - 17 sguardi rivelano Juàrez», prima tappa in Europa di un progetto internazionale itinerante di significato sociale, che vedrà il ricavato della vendita delle opere devoluto a supporto del progetto stesso, curato da Marc Ibáñez, GuimTió, Marcel Cururella, all’interno dell’iniziativa Guatelli Contemporaneo. Le radici dell’idea si possono rinvenire in due viaggi che il visual artist GuimTió ha compiuto nel 2012 e nel 2014. Stupito dal contrasto tra la sua percezione della realtà di Juàrez, quinta città in ordine di grandezza del Messico, e l’immagine proposta dai media, che guardano all’alto tasso di criminalità e pericolosità, col pedagogo Marcel Cururella, ha pensato un progetto che ne desse una visione alternativa. L’iniziativa, della durata di 2 mesi, ha coinvolto 17 giovani che, attraverso otto intense settimane di workshop, hanno beneficiato di lezioni teoriche di tecnica fotografica. Con una Ilford in bianco e nero che è stata regalata a ciascuno di loro, hanno potuto osservare l’ambiente e sviluppare un linguaggio estetico personale, utilizzando quell’arma potente contro il degrado che è il pensiero creativo. La mostra è il risultato del report fotografico che mostra Juàrez, vista dagli occhi di quei giovani.

Ecco allora le foto, scelte da una giuria di fotografi professionisti, realizzate con un mezzo «minimo» ma in grado di rendere possibile una lettura di valori, memorie e luoghi. Emergono i tanti modi di guardare la vita e la realtà, di attraversare il tempo e lo spazio, di fissare un pensiero.

Semplice la tecnica e semplici, molto spesso, le scelte narrative dei protagonisti che tuttavia hanno voluto «mettere a fuoco» una loro intuizione, un loro bisogno. Volti, luoghi, «angoli» di vita si susseguono offrendo una chiave di lettura che vuol essere in primo luogo sociale ma che evidenzia il desiderio di espressione attraversa la creatività che non manca. Si potrà guardare le foto ed interpretarle oppure soffermarsi a leggere nel corridoio a lato della galleria i cartelloni che raccolgono frasi e pensieri, volti a rendere ancora più personali gli scatti. 

Scopri le novità della sezione Fotografia