Sei in Archivio

BASEBALL

Seminati, fuoricampo in tv da Fazio

Ospite a «Che fuori tempo che fa» ha raccontato la sua futura esperienza nei Cincinnati Reds

di Andrea Ponticelli -

08 novembre 2017, 16:15

Seminati, fuoricampo in tv da Fazio

Giocatore di baseball, e anche star televisiva, complice il suo viso da teenager americano. Lunedì sera su Rai 1 Leonardo Seminati ha suscitato l'ammirazione di Milly Carlucci per il suo fisico. Anche Walter Veltroni si è interessato alla sua storia: quella di un ragazzo di 18 anni, originario di Bergamo e tesserato per il Parma Clima, che andrà a giocare negli Stati Uniti, fra i professionisti.

E' stato uno dei più riusciti spot per il baseball Leonardo Seminati ospite nella trasmissione «Che fuori tempo che fa», condotta da Fabio Fazio e da quel Fabio De Luigi che, da ex giocatore di baseball (174 partite in serie A1 a Santarcangelo e Rimini dall'85 al '97) ha definito Leonardo «l'uomo che invidio di più al mondo». E ha spiegato: «Questo ragazzo è stato messo sotto contratto per 7 anni da una squadra professionistica americana, i Cincinnati Reds. Anche in uno sport considerato minore come il baseball l'Italia comunque produce eccellenze».

Forse il meno emozionato davanti alle telecamere era proprio Leonardo. Mentre gli altri ospiti del programma hanno espresso il proprio stupore per la sua storia, lui è rimasto sorridente ma impassibile. Elegantissimo, gilet scamiciato blu su camicia azzurrina, telegenico, completamente a suo agio davanti alle telecamere: non è arrossito neanche quando Milly Carlucci ha detto «ma avete visto il fisico di questo ragazzo... alzati in piedi...».

Leo ha raccontato il suo sogno che diventa realtà. L'assistenza gliel'ha fornita Milly Carlucci. Prendendo spunto dal nuovo libro di Walter Veltroni («Quando», uscirà domani) ha parlato dei ragazzi negli anni Settanta-Ottanta: «tutti avevamo dei sogni, qualcosa che veramente ti faceva pensare di volare e di conquistare il mondo». Fazio l'ha interrotta: «pensa lui, che a 18 anni va negli Stati Uniti... ma ci pensi che meraviglia...».

Così, quando Fazio gli ha chiesto «ma tu in questi giorni sogni la tua prima partita?», Leo ha spiegato: «In realtà me lo sono sempre sognato di fare un turno in battuta nella Major League. Ogni volta cerco di immaginarmi questa mia esperienza nel miglior modo possibile».

La realtà è per adesso in quella sua casacca rossa dei Cincinnati Reds con il numero 61. Quando l'ha mostrata nello studio televisivo, Fazio ha esclamato «E' dai tempi di Richie Cunningham (il protagonista di Happy Days - n.d.r.) che non vedevo una maglia così».

Il finale della trasmissione è stato tutto suo, mentre nel filmato mandato in onda dalla regia spiccava la sua festa a Bergamo, e si vedeva anche Sal Varriale, uno dei principali «tutor» di Leo in questo cammino verso i professionisti.

A Fazio ha spiegato quando partirà: «il 1° marzo. Vado là e comincio subito a giocare. 7 giorni su 7».

Sempre a Fazio ha svelato cosa masticano i giocatori nel dug-out, e perché lo fanno: «per rilassarsi. Dopo che è stato proibito il tabacco masticano semi di zucca, gomme da masticare, ma soprattutto semi di girasole in quantità industriale».

A Milly Carlucci ha raccontato come l'hanno presa i suoi genitori: «hanno già in programma di venirmi a trovare questa estate. Una cosa che mi hanno sempre detto: se fossi stato contento io lo sarebbero stati anche loro».

A Walter Veltroni ha rivelato come è nata la sua passione per il baseball: «a Bergamo c'è una manifestazione che si chiama Lilliput dove si provano tutti gli sport. Io ero un bambino, quando ho provato il baseball me ne sono innamorato a prima vista». Da Fazio il suo amore per il baseball e la sua storia di neo professionista hanno bucato il video.