Sei in Archivio

BOLOGNA

Motor Show, lo spettacolo è servito

Dal 2 al 10 dicembre. Sabato un inserto speciale sulla Gazzetta

di Lorenzo Centenari -

30 novembre 2017, 11:35

Sempre meno «expo», sempre più «show». Dopo gli irripetibili fasti degli anni Novanta e Duemila, il Motor Show ha da qualche tempo imboccato un’altra direzione, richiamando la formula delle prime edizioni anni Settanta e Ottanta.

E così, per il momento riposte ambizioni internazionali, anche la kermesse di scena a Bologna da sabato 2 a domenica 10 dicembre - la 41esima in assoluto - proprio come un tempo regalerà ampio spazio alle gare esterne e alle acrobazie a due e quattro ruote. Col baricentro che dai padiglioni espositivi (che comunque crescono di due unità, a quota 11, e verranno popolati da 370 marchi di settore) torna all’Area 48. Vale a dire all’«arena» che oltre al tradizionale Memorial Bettega, atto conclusivo del programma che vedrà uno contro l’altro campioni di differente estrazione motorsport (il rallista Giandomenico Basso, il nove volte iridato motocross Tony Cairoli, e altri ancora), ospiterà ogni giorno trofei monomarca (Porsche Carrera Cup, Trofeo Abarth, Trofeo GTA, Trofeo Suzuki Rally), parate (Harley-Davidson, Ford Mustang), gare classiche (Trofeo Italia Rally Autostoriche), infine adrenalinici «hot lap» da passeggeri (Maserati).

Il giorno inaugurale, invece, l’Area 48 sarà tutta Rosso Ferrari, con lo show «live» delle monoposto di Formula 1 che attirerà il pubblico sulle tribune come api al miele. E ancora: duelli drifting, esibizioni motocross, i prototipi, i V8 delle Nascar. La «pitlane» allestita sull’esempio di F1 e MotoGP. Su www.motorshow.it, il calendario completo.

Fitta anche la scaletta di convegni e seminari sul settore dell’automobile, un comparto che per la prima volta dal 2007 tornerà quest’anno a superare quota 2 milioni di vendite, e del quale il Motor Show - schiacciato ormai dalla concorrenza dei maggiori Saloni europei - si candida come catalizzatore di professionisti e nuove idee, oltre che genuino contenitore di spettacoli a motore.

Per la seconda volta organizzato dalle Fiere di Bologna, il Motor Show sarà inaugurato - meteo permettendo - anche dal passaggio delle Frecce Tricolori. «Chi vuole vedere le auto nuove, può andare in concessionaria. Chi verrà al Motor Show - sostiene il direttore della manifestazione Rino Drogo - vedrà invece cose che fuori non ci sono. Sarà un grande evento, ricco di iniziative e attrazioni. ll pubblico nel 2016 aveva espresso il desiderio di vedere la Ferrari. E di vedere le moto. Bene, nel 2017 - esclama Drogo - ci sono sia la Ferrari, sia le moto».