Sei in Archivio

Stati Uniti

Il consigliere di Trump pronto a testimoniare contro il Presidente

Il generale Michael Flynn si dichiara colpevole di aver mentito all'Fbi. Ora rischia

01 dicembre 2017, 17:18

Michael Flynn, ex consigliere alla sicurezza nazionale di Donald Trump, si è dichiarato colpevole di aver mentito agli agenti Fbi sui suoi contatti sulla Russia  In particolare  Flynn dichiarerà di aver mentito agli investigatori dell’Fbi sull'incontro dello scorso dicembre, durante il cosiddetto periodo di transizione, con l’ambasciatore russo a Washington Sergei Kislyak. Le false dichiarazioni si riferiscono alla deposizione rilasciata da Flynn nelle mani dei federali il 24 gennaio scorso, quattro giorni dopo l'insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca. Questi ultimi sviluppi confermano come l’ex consigliere per la sicurezza nazionale abbia deciso di cooperare con gli uomini del procuratore speciale Robert Mueller che indagano sul Russiagate.

Il generale: "Le mie azione sono state sbagliate"

«Le mie azioni sono state sbagliate. La mia dichiarazione di colpevolezza e la volontà di cooperare con il procuratore speciale riflettono la decisione che ho preso nel miglior interesse della mia famiglia e del mio paese. Accetto la piena responsabilità delle mie azioni». Lo afferma Michael Flynn, l’ex consigliere alla sicurezza nazionale di Donald Trump che si è dichiarato colpevole di dichiarazioni false all’Fbi nell’ambito delle indagini sul Russiagate.

L'ex generale rischia fino a 5 anni di carcere

Flynn,  rischia fino a un massimo di 5 anni di carcere e una sanzione da 250.000 dollari per aver mentito all’Fbi sui suoi contati con la Russia.

Flynn pronto a testimoniare contro Trump

Flynn sarebbe pronto a testimoniare contro Donald Trump. Lo riporta Abc citando alcune fonti, secondo le quali Flynn potrebbe dire che Trump gli avrebbe chiesto di contattare i russi.

Trump ha saputo la notizia dai media

Il presidente Donald Trump e i suoi legali hanno appreso di  Flynn dai media americani. Lo riporta Abc citando alcune fonti 
Il nuovo sviluppo sul Russiagate piomba sulla Casa Bianca mentre la riforma delle tasse si è fermata in Senato, dove i repubblicani però forse hanno trovato i numeri per farla passare.