Sei in Archivio

Consiglio comunale

"Kebabbaro" aggredito in piazzale Santa Croce

La denuncia del consigliere Gajda

06 dicembre 2017, 18:41

E' polemica in consiglio sull'ordinanza di chiusura anticipata alle 22 di due locali pubblici di borgo Mazza. La consigliera Roberti in un'interrogazione ha definito ingiustificata l'ordinanza del Comune mentre l'assessore Casa ha replicato che la procedura e' stata avviata su sollecitazione degli altri commercianti del borgo rappresentati dall'Ascom e ha ribadito che si tratta di un atto del tutto legittimo e dovuto, arrivato dopo i riscontri dei vigili urbani. La Roberti ha ricordato che c'è stata una raccolta con centinaia di firme di clienti ma anche di residenti della zona a favore dei due locali e ha sottolineato che non  risultano casi di risse o di interventi di forze dell'ordine nei mesi scorsi. 

In consiglio è approdato, esposto dal consigliere aggiunto Marion Gajda,  anche il caso di un'aggressione a probabile sfondo razziale avvenuta alcune sere fa in piazzale Santa Croce. La vittima lavora da anni in un kebab di via D'Azeglio e secondo quanto riferito da Gajda è stato aggredito da giovani italiani che li hanno anche insultati, attorno all'una di notte, dopo che era stato  chiuso il locale. In suo aiuto è arrivato anche un altro dipendente del locale, a sua volta aggredito dal gruppo, fuggito prima dell'arrivo delle forze dell'ordine. L'uomo ha riportato ferite giudicate guaribili in 15 giorni e ha sporto denuncia contro ignoti.

All'ordine del giorno anche i Consigli dei cittadini volontari. "Mi chiedo cosa intenda questa Giunta come partecipazione, visto che su nuovi Ccv è stata convocata una commissione in cui tutto era già deciso e tutte le nostre proposte sono state respinte". Lo ha detto Eramo (Parma protagonista) in consiglio riferendosi alle prossime elezioni dei Ccv previste a febbraio 2018. L'assessore Paci ha ricordato che il regolamento in vigore risale a gennaio 2017 e non ha ancora avuto applicazione vera per cui eventuali cambiamenti ci potranno essere solo dopo le prossime elezioni. Eramo ha comunque lamentato mancanza di ascolto e di informazione.

Si è parlato anche di aeroporto, dopo il rinvio al 27 dicembre dell'assemblea dei soci sull'aumento di capitale. A parlarne sono stati Cavandoli (Lega) e Lavagetto (Pd). Entrambi hanno chiesto al sindaco, non presente in aula, di chiarire in consiglio la reale situazione  e le prospettive dell'infrastruttura. Entrambi hanno definito insufficiente l'impegno del Comune annunciato dal sindaco e hanno chiesto di capire se ci sono state evoluzioni nel piano sul traffico cargo, auspicando che il Verdi possa continuare l'attività.