Sei in Archivio

bedonia

Polizia municipale non più «condivisa»

Revocato il patto con altri comuni. Consiglio comunale, si dimette il consigliere delegato Lino Monteverdi

di Giorgio Camisa -

29 dicembre 2017, 23:00

Polizia municipale non più «condivisa»

Gran movimento e inaspettate sorprese nell’ultima seduta del consiglio comunale di Bedonia, tra i 12 punti all’ordine del giorno oltre all’esame e l’approvazione del bilancio 2018-2020, hanno fatto discutere fino a tarda ora i 10 consiglieri presenti.
In primis la revoca dopo solo 15 mesi di attivazione della convenzione in forma associata della funzione di Polizia municipale e amministrativa comprensoriale e poi anche la presa d’atto della richiesta di revisione e di riesamina della chiusura del punto nascite dell’Ospedale Santa Maria di Borgotaro.
Sorpresa finale, poco prima degli auguri di Buone Feste, quella del consigliere delegato alla Protezione Civile e all’agricoltura Lino Monteverdi che dopo una breve esposizione ha riconsegnato nelle mani del sindaco Carlo Berni le sue deleghe: la segretaria ha notificato ma visto che questo passaggio non era all’ordine del giorno, Monteverdi relazionerà nel prossimo consiglio le sue motivazioni e il sindaco ne trarrà le dovute conclusioni.
Dopo l’approvazione degli atti della seduta precedente e ascoltato la stesura del bilancio di previsione 2018-2020 da parte dell’assessore Patrizia Brignole: un bilancio ponderato che ha portato equilibrio tra uscite ed entrate grazie al minuzioso controllo sulle spese correnti, un rendiconto elaborato che, in alcuni passaggi, è stato oggetto di complimenti anche da parte della minoranza.
Poco dopo il sindaco ha illustrato con un certo rammarico la revoca del rapporto di collaborazione con le altre amministrazioni dell’Alta Valtaro della funzione pratica e amministrativa della Polizia Municipale: «E' stato un servizio efficiente credo che questo passaggio di consegne sia per noi tutti una sconfitta, ora anche gli altri comuni prenderanno atto e si assoceranno alla decisione da noi presa a malincuore stasera». Altra nota dolente presentata dal sindaco e caldeggiata dal capogruppo di minoranza Bruno Maloberti quella sulla chiusura del punto nascite dell’Ospedale Santa Maria di Borgotaro.
Dopo alcune dichiarazioni politiche e personali il consiglio all’unanimità ha approvato un ordine del giorno simile a quello già approvato dal consiglio comunale di Borgotaro: quello di richiamare l’attenzione e riesaminare tale discriminazione sociale verso le mamme della montagna e quindi autorizzare la riapertura del punto nascite all’Ospedale Santa Maria di Borgotaro.
Passate all’unanimità alti punti all’ordine del giorno e poi come il piano di alienazione immobili e il programma triennale dei lavori pubblici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA