Sei in Archivio

CAPODANNO

I padroni di casa sono a festeggiare, i ladri svaligiano due appartamenti

02 gennaio 2018, 13:29

I padroni di casa sono a festeggiare, i ladri svaligiano due appartamenti

Due furti in poche ore in abitazioni. Primo intervento della polizia, il 1° gennaio in via Duca Alessandro. I ladri, al momento ignoti, si sono introdotti nell’appartamento, posto al secondo piano dello stabile, dopo aver forzato la serratura della porta d’ingresso. La proprietaria era fuori casa per festeggiare il Capodanno. Il bottino è di 500 euro in moneta contante, lasciati in un mobile all’interno della camera da letto. "Complice" la notte di festa, anche nel secondo furto i proprietari erano fuori casa a brindare al nuovo anno. Questa volta i ladri sono arrivati al terzo piano di un appartamento in viale Mentana. Anche qui i ladri sono entrati nell'appartamento dopo aver forzato la porta d'ingress in legno. Dopo aver rovistato in tutte  le camere hanno rubato alcuni monili in oro conservati nella camera da letto all’interno di portagioie. 
La Polizia di Stato nel rinnovare l’impegno ad un controllo più serrato delle vie cittadine al fine di prevenire e reprimere fenomeni di tipo predatorio, ricorda a tutti i cittadini l’importanza di dotarsi di strumenti di sicurezza passiva come impianti di allarme acustico, porte blindate con chiave a mappa al fine di scoraggiare i ladri meno “professionali”. Per chi abita ai piani più bassi, quindi facilmente raggiungibili attraverso le finestre, di dotarsi di inferiate in acciaio. In ultimo, la Polizia di Stato informa la cittadinanza che dagli accertamenti di polizia giudiziaria compiuti a seguito di richiesta di intervento per patito furto in abitazione è emerso che nella quasi totalità dei casi i beni sottratti sono oggetti di valore lasciati incustoditi principalmente nelle camere da letto e, quindi, facilmente asportabili dai malviventi in pochi istanti. Ciò premesso la Polizia di Stato rinnova il consiglio alla collettività intera di dotarsi di casseforti all’interno delle proprie abitazioni, ove custodire beni di valore o denaro, disincentivando ulteriormente i malviventi dal portare a termine l’attività predatoria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA