Sei in Archivio

BOLOGNA

'Parole razziste e volgarità', vigilessa accusa superiore

Esposto presentato a Bologna, fatti in reparto Municipale

04 gennaio 2018, 16:30

(ANSA) - BOLOGNA, 4 GEN - Prima insulti razzisti nei confronti di un africano, poi anche volgarità a sfondo sessuale rivolte a quattro vigilesse. Il protagonista, secondo un esposto presentato da una di loro ai carabinieri e al vaglio della Procura, è un sostituto commissario, responsabile di un reparto cittadino della Polizia Municipale di Bologna. I fatti sono di inizio ottobre, quando la vigilessa dell'esposto dovette gestire una situazione con uno straniero, trovato alla guida senza patente: multato, l'uomo sostenne di avere a casa quella rilasciata nel suo Paese, il Camerun, e fu invitato a presentarsi la mattina dopo, il 3, per esibirla. L'africano effettivamente arrivò nel reparto, ma spiegò di non averla trovata. Le espressioni razziste sarebbero state pronunciate mentre l'agente procedeva a multare di nuovo lo straniero e fu accusata dal superiore di perdere tempo e non andare, lei e le colleghe, a fare un presidio nelle scuole, per colpa dell'africano. Poco dopo seguirono allusioni volgari alle vigilesse. (ANSA).

© RIPRODUZIONE RISERVATA