Sei in Archivio

domenica 7 gennaio

Vertice di Arcore: accordo per la coalizione a quattro

Vince Salvini: nel programma l'abolizione della Legge Fornero. Maroni rinuncia alla candidatura in Lombardia

07 gennaio 2018, 20:14

Vertice di Arcore: accordo per la coalizione a quattro

"Sarà una coalizione a quattro". Il vertice di Arcore ufficializza la decisione dei leader del centrodestra Salvini, Meloni che si sono incontrati da Berlusconi per fare il punto sul programma. Tra i primi passi dell’azione di governo ci sarà l'abolizione della legge Fornero, come voluto dal leader della Lega. Via libera alla cosiddetta "quarta gamba" del centrodestra, ma escludendo dalle candidature quei nomi che non sono condivisi da tutti i capi dei tre principali partiti. Maroni verso la rinuncia in Lombardia, per motivi personali.

GRASSO APRE LA SFIDA COL PD, "MAI FAVOLE COME IL CANONE"

"Faremo proposte concrete a differenza delle irrealizzabili favole degli altri partiti. Renzi ha detto di voler abolire il canone Rai dopo averlo mess o in bolletta. Siamo l’unica alternativa credibile»" Così il leader di Liberi e uguali Grasso all’assemblea nazionale: "Aboliamo le tasse universitarie", la sua proposta. "Parliamo con tutti ma non con la destra", afferma Bersani. E dal M5S arriva un attacco a Boldrini. "Non discuteremo mai di alleanze con chi ha piegato i regolamenti parlamentari agli interessi delle banche", dice Di Maio. 

RUSSIAGATE: MUELLER ALZA IL TIRO, ANCHE IVANKA NEL MIRINO

Il Russiagate stringe il cerchio intorno alla famiglia del presidente Trump e mette nel mirino anche Ivanka. La figlia prediletta del tycoon il 9 giugno 2016 avrebbe parlato con due dei russi in uscita dalla Trump Tower, poco dopo che avevano incontrato il fratello Don, il marito Jared e l’allora capo della campagna Paul Manafort vantando di avere materiale compromettente su Hillary Clinton. Intanto Site, rivela che l'Isis fornisce il link per scaricare il libro "Fire and Fury". Dalla Gran Bretagna intanto Theresa May si dice pronta al rimpasto, "Resto fino a quando la gente lo vorrà", afferma.

SCUOLA: DOMANI PRIMO SCIOPERO DEL NUOVO ANNO

 Le vacanze natalizie potrebbero allungarsi di un giorno per alcuni. Domani infatti è in calendario uno sciopero dei docenti della scuola Primaria e dell’Infanzia con una manifestazione nazionale a Roma davanti al ministero dell’Istruzione. La protesta è stata indetta dai Cobas contro la sentenza del Consiglio di Stato che esclude i diplomati magistrali dalle graduatorie ad esaurimento. Secondo l’Anief ci sarà un’adesione record. Ma il Ministero precisa: "Non ci sarà alcun effetto immediato, chiesto un parere all’Avvocatura dello Stato".

VOCI SULL'ARRESTO DI AHMADINEJAD PER LE PROTESTE IN IRAN

"Ahmadinejad agli arresti domiciliari". Lo scrive Al-Quds Al-Arabi, ma mancano conferme ufficiali. Secondo il media arabo l'ex presidente iraniano sarebbe accusato di incitamento alla rivolta contro il governo. E oggi a porte chiuse si è riunito a Teheran il parlamento. Durante la seduta è stato messo in risalto che elementi stranieri, e in particolare gli Stati Uniti, hanno avuto un ruolo fondamentale nell'organizzare, fomentare e manipolare la recente sollevazione.

GELO RECORD A NEW YORK, RITARDI E CANCELLAZIONI AL JFK

 Il nordest degli Stati Uniti è ancora nella morsa del gelo dopo il passaggio del "ciclone bomba", con temperature in picchiata, fino a -50 gradi. Per i trasporti è ancora caos, anche se non come due giorni fa. Attualmente i due aeroporti più in difficoltà sono il JFK di New York e quello di Charleston. E in Spagna migliaia di veicoli sono rimasti bloccati per 18 ore sull'autostrada per una forte tempesta di neve. In Australia, infine, il problema è il caldo: oltre 47 gradi a Sydney.

GERMANIA IN PRESSING SU FINE QE, MA PREZZI NON RIPARTONO

"E' legittimo fissare una chiara fine per il programma di acquisto titoli della Bce". Lo ha dichiarato il numero uno della Bundesbank e membro del board della Bce, Jens Weidmann, in un’intervista a El Mundo. Ma i prezzi in Eurozona non ripartono e il livello d’inflazione resta lontano dai parametri fissati dall’Eurotower. Al via i colloqui per formare il governo, la Merkel si mostra ottimista. Più prudente il leader dell’Spd Schulz: "In 5 giorni capiremo se Grosse Koalition è possibile" 

CYBERCRIME, OLTRE MILLE ATTACCHI A SITI ISTITUZIONI IN 2017

Sono oltre mille gli attacchi portati da hacker e cyber criminali nel 2017 ai siti istituzionali e alle infrastrutture dello Stato. E’ il bilancio della Polizia Postale per il 2017. Gli alert inviati dal Cnaipic - il Centro nazionale anticrimine per la protezione delle infrastrutture critiche - ai gestori di servizi essenziali sono stati 28.500, cinque volte di più del 2016. Su questo fronte la Postale ha avviato 68 indagini, con la denuncia di 33 persone e l’arresto di 2, i fratelli Occhionero, accusati di spionaggio informatico politico-industriale attraverso un malware spia.