Sei in Archivio

LUNEDI' 8 GENNAIO

M5S contro la Rai: "Stop a Vespa e Fazio in campagna elettorale"

08 gennaio 2018, 20:11

M5S contro la Rai:

Scontro politico fra M5s e Pd in commissione Vigilanza Rai. I primi chiedono l’esclusione dei programmi di infotainment dalla campagna elettorale o ricondurre tutti i programmi sotto testata a condizione che il conduttore abbia contratto da giornalista, soluzioni che escluderebbero Vespa e Fazio. Dai dem il no alla proposta: 'dovremmo inserire nel regolamento quali programmi vanno ricondotti a testata, ma questo deve farlo l’azienda e non la Vigilanza Raì, precisano. Intanto, domani Vespa apre con Di Maio le interviste ai leader. A seguire mercoledì Renzi e giovedì Berlusconi.

 MARONI LASCIA, IN LOMBARDIA IL CENTRODESTRA SCHIERA FONTANA
"MA RESTO A DISPOSIZIONE". LEU NON SOSTIENE GIORGIO GORI

'Motivi personalì. Maroni rinuncia così a candidarsi per un eventuale nuovo mandato da governatore della Lombardia. 'Ma sono naturalmente a disposizionè, dice, assicurando sostegno al candidato prescelto (in pole l’ex sindaco di Varese, Attilio Fontana). E fa sapere che non c'è alcun dissidio col segretario della Lega Salvini. Il candidato Pd alla Regione Gori: 'il mio avversario è sceso dal ring, noi continuiamo la marcià. Intanto Liberi e Uguali conferma l’intenzione di presentare un proprio candidato e non appoggiare l’attuale sindaco di Bergamo.

 PADOAN: "ABOLIRE LA LEGGE FORNERO SAREBBE UN GRAVE ERRORE" 
"SI PUO' CORREGGERE". IL MINISTRO DISPONIBILE A CANDIDARSI

La riforma Fornero si può correggere, ma abolirla «sarebbe un gravissimo errore». E’ la convinzione del ministro dell’ Economia Padoan, secondo il quale la legge è uno dei pilastri del sistema pensionistico e della sostenibilità del sistema finanziario. Possibili invece le correzioni, spiega, come fatto dall’ultima legge di bilancio. In vista del voto, Padoan spiega di aver avuto dei colloqui e di essersi reso disponibile a candidarsi.

RISCHIO ALTISSIMO VALANGHE IN VAL D’AOSTA E PIEMONTE
NUOVA CHIUSURA VERSO CERVINIA, ANCHE COGNE ISOLATA

Massimo pericolo valanghe in Piemonte e Valle d’Aosta, con la possibilità che possano verificarsi fenomeni mai visti in precedenza. Programmata la chiusura di alcune strade regionali, fra cui quella verso Cervinia (attualmente sono circa cinquemila le persone ospitate ai piedi della Gran Becca), mentre anche Cogne risulta isolata per la caduta di una massa di neve lunga 15 metri e alta 7-8. Isolato per maltempo anche il comune di Valsavarenche. A Belluno una frana provoca la chiusura della strada che da Pian del Monte porta a Ronce. Nell’Alessandrino, famiglia intossicata da monossido carbonio, tre morti.

CALENDA: TRE LE OFFERTE PER ALITALIA, A GIORNI LA SCELTA
EMILIANO: NON RITIRO IL RICORSO ILVA SE LA SALUTE E’ A RISCHIO

Il ministro per lo Sviluppo economico Calenda spiega che per Alitalia ci sono sul piatto tre offerte. Quello che faranno a questo punto i commissari, precisa 'è dire quale è la migliore, quindi con chi si può iniziare la negoziazione in esclusivà. L'associazione nazionale piloti: Lufthansa unica soluzione valida, ma senza perdere il controllo della compagnia. Sul tema Ilva, il governatore della Puglia Emiliano non indietreggia e assicura che non ritirerà il ricorso 'mettendo a rischio la salute dei tarantini anche se me lo dovesse chiedere il Consiglio regionalè.

USA: STAR TV OPRAH WINFREY PENSA A CANDIDARSI A CASA BIANCA
INCENDIO ALLA TRUMP TOWER, 2 PERSONE LEGGERMENTE INTOSSICATE

La star della tv americana Oprah Winfrey sta considerando di candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti e correre per le elezioni del 2020 nella sfida a Donald Trump, a quanto riferito da persone a lei vicine secondo la Cnn. Intanto, a New York un principio d’incendio forse per un piccolo corto circuito sul tetto scoppia nella Trump Tower, grattacielo dove il presidente Usa mantiene la sua residenza. Il tycoon al momento è a Washington. Due persone leggermente intossicate.

SCUOLABUS FUORI STRADA FINISCE IN UN FOSSATO, BAMBINI FERITI
NESSUNO E’ GRAVE, GLI STUDENTI TORNAVANO A CASA NEL MANTOVANO

Erano in 28 gli alunni delle elementari e medie di Castellucchio (Mantova), di ritorno a casa dopo la scuola, a bordo dello scuolabus che oggi ha sbandato ed è finito fuori strada, adagiandosi poi sul fianco nel fossato laterale, tra Castellucchio e Ospitaletto, lungo la ex statale Padana inferiore. Sei di loro trasportati in ospedale, ma non destano preoccupazioni. In codice rosso, invece, ma non in pericolo di vita, l’autista del mezzo, forse colto da malore, e una bimba con trauma cranico. Nel Teramano, conducente scuolabus vede fumo da vano motore e fa scendere alunni, poi il mezzo è avvolto dalle fiamme: tutti salvi.