Sei in Archivio

GENOVA

Soldi nascosti in furgone: indagini su altri viaggi Chaoubi

Marocchino arrestato in porto avrebbe trasportato altro denaro

08 gennaio 2018, 17:10

(ANSA) - GENOVA, 8 GEN - Quello dello scorso 30 dicembre non era il primo trasferimento di soldi che Mustafa Chaoubi, marocchino di 47 anni, faceva dall'Italia verso il Marocco. E' quanto emerge dalle indagini della polizia di frontiera, coordinata dal pubblico ministero Gabriella Dotto, dopo l' arresto dell'uomo la vigilia di capodanno in porto a Genova. Chaoubi era stato fermato con l'accusa di riciclaggio perché il suo furgone era "imbottito" di soldi: oltre 400 mila euro. Ora si è scoperto che sarebbero almeno due i viaggi che il marocchino ha fatto con cifre di poco inferiori in pochi mesi. La scorsa settimana al giudice aveva detto che parte dei soldi erano suoi e altri era destinata a persone di cui non sa indicare i nomi. Anche i 20 telefonini e la dozzina di palmari secondo il racconto erano destinati a connazionali. Il dubbio degli inquirenti è che Chaoubi, incensurato e con permesso di soggiorno a Milano, dove risiede, possa essere parte di una organizzazione: per traffico di droga o finanziamento all'Isis.

© RIPRODUZIONE RISERVATA