Sei in Archivio

MERCOLEDI' 17 GENNAIO

Mattarella contro l'astensione: "Nessuno si chiami fuori"

17 gennaio 2018, 20:23

Mattarella contro l'astensione:

Matteo Renzi lancia la campagna 'casa per casà del Pd alla fine della Direzione, convocata in permanenza fino all’ok alle liste: 'Basta discutere sul dopò. Paolo Siani e Carla Cantone, della Cgil, candidati. Nel M5s allarme parlamentarie al secondo giorno: voto a rilento, probabile proroga, rischio ricorsi. Ma il vertice va avanti: domani, prima della kermesse di Pescara, prima lista provvisoria di vincitori. Appello anti-astensione dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella: 'Chi avverte autenticamente il proprio status di cittadino non si senta un creditore che esige solo. Nessuno deve chiamarsi fuori o limitarsi a guardarè, dice a Famiglia Cristiana.

IL VENTO SFERZA L’ITALIA, CADE DAL TETTO E MUORE A CROTONE
RAFFICHE DA 200 ALL’ORA IN PIEMONTE. DANNI DA ALBERI CADUTI

Il vento sferza l’Italia da Nord a Sud e provoca vittime, feriti e danni. Un uomo è morto a Mesuraca, in provincia di Crotone cadendo dal tetto scoperchiato della casa del fratello su cui era salito per verificare i danni. In Piemonte, raffiche da 200 chilometri l’ora in montagna. Danni per la caduta degli alberi. Una donna di 28 anni ferita all’Elba. Mareggiate nel Torreno con venti oltre i 100 chilometri l’ora. Tronchi sui binari n el catanzarese, sospeso il traffico ferroviario nel pomeriggio.

LE DUE COREE INSIEME ALLE OLIMPIADI SOTTO UN’UNICA BANDIERA
ACCORDO SEUL-PYONGYANG, SQUADRA COMUNE PER L’HOCKEY FEMMINILE

Le due Coree sfileranno insieme sotto la bandiera della Corea unita alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali di PyeongChang: è uno degli accordi raggiunti, in base a una nota congiunta, nell’incontro a Panmunjom tra le delegazioni di Nord e Sud. Via libera anche all’unica squadra nel torneo di hockey femminile. Il Nord inoltre invierà 230 tifosi, tra cui anche alcune cheerleader, e un team dimostrativo di 30 esperti di taekwondo. L’accordo rappresenta una grande svolta nei rapporti bilaterali dopo anni di tensioni ai limiti dello scontro anche militare, in scia ai test nucleari e missilistici del Nord.

I PM: ASSOLVERE MARCO CAPPATO PER LA MORTE DI DJ FABO 
FATTO NON SUSSISTE, AVESSE POTUTO AVREBBE FATTO DA SOLO

La procura di Milano ha chiesto l’assoluzione di Marco Cappato 'perchè il fatto non sussistè nel processo che lo vede imputato per aiuto al suicidio in relazione alla vicenda di Dj Fabo. Il pm Tiziana Siciliano insieme alla collega Sara Arduini hanno argomentato che Cappato ha aiutato Dj Fabo ad 'esercitare il suo diritto alla dignita» sostenendo che 'se Fabiano avesse avuto anche solo 30 secondi per muoversi liberamente avrebbe messo fine alle proprie sofferenze da solò. Per Cappato 'se fosse giudicato irrilevante l’aiuto che ho dato a Fabiano, all’assoluzione preferisco una condannà.

OPERAI MORTI A MILANO, IPOTESI OMICIDIO COLPOSO PLURIMO
I SINDACATI, ESTENDERE IL MODELLO EXPO SULLA SICUREZZA

La Procura di Milano indaga con l’ipotesi di omicidio colposo plurimo sull'incidente avvenuto alla Lamina, in via Rho, nel quale sono morti tre operai, mentre un quarto resta ricoverato in condizioni gravissime. I quattro sarebbero stati intossicati dall’azoto, in corso verifiche sulle procedure di sicurezza. Come atto dovuto, verranno iscritti nel registro degli indagati il responsabile legale dell’azienda e i responsabili della sicurezza. Venerdì sciopero di due ore e presidio davanti alla prefettura, i sindacati chiedono di estendere il 'modello del protocollo expò che portò pochissimi infortunì.

VERONICA LARIO TORNA ALLA CARICA PER L’ASSEGNO DI DIVORZIO
RICORSO IN CASSAZIONE, RIVUOLE 1,4 MLN AL MESE DA BERLUSCONI

Continua la battaglia tra Silvio Berlusconi e Veronica Lario sull'assegno di divorzio. L’ex moglie del leader di Fi, infatti, ha presentato, tramite il suo legale, ricorso in Cassazione contro la sentenza della sezione famiglia della Corte d’Appello di Milano, ritenuta 'profondamente ingiustà, con cui le è stato revocato 'l'assegno divorzilè di 1.4 mln al mese che, in base alla decisione del Tribunale di Monza, l’ex premier le avrebbe dovuto versare. La Cassazione dovrà decidere se nella sentenza di 2/o grado è stata applicata la legge. In caso contrario gli atti andranno a Milano per un nuova causa.

PRATICANTE IN AULA CON IL VELO, IL GIUDICE LA CACCIA
SALVINI APPLAUDE. IL CONSIGLIO DI STATO CHIEDE CHIARIMENTI

'Chi interviene o assiste all’udienza non può portare armi o bastoni e deve stare a capo scoperto e in silenziò. E’ la scritta su un foglio davanti ad un’aula del Tar di Bologna dove ad una giovane praticante avvocato che indossava lo hijab è stato chiesto dal giudice di toglierselo, oppure uscire. La giovane, marocchina, a quel punto si è rifiutata di scoprirsi il capo e si è allontanata. Rabbia della comunità islamica di cui la donna è responsabile legale. Il presidente del Consiglio di Stato chiede chiarimenti. Salvini: io sto col giudice.