Sei in Archivio

MILANO

Aggressioni con acido, 'bimbo Martina va tolto da atrocità'

Sentenza della Cassazione. Martina, no a ingiusti rapimenti

19 gennaio 2018, 18:40

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Nemmeno i nonni materni "hanno dimostrato una reale presa di coscienza delle atrocità delle condotte della figlia" e valutando il "superiore interesse del minore" va detto che il piccolo non può restare "legato alla famiglia di origine", perché "inevitabilmente sarebbe costretto a confrontarsi con la drammatica storia familiare dei suoi genitori". Lo scrive la Cassazione che ha confermato l'adottabilità del bimbo partorito nel 2015 da Martina Levato, condannata con Alex Boettcher per i blitz con l'acido. Nelle scorse settimane Martina aveva scritto al suo legale, l'avvocato Laura Cossar: "Sappi che ti stimo come avvocato e come donna, perché con il tuo lavoro puoi salvare tante famiglie da ingiusti rapimenti". L'ex compagna di Boettcher gridava anche al "miracolo" perché il pg aveva chiesto che il piccolo, che "mi ha cambiato completamente", venisse affidato ai nonni materni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA