Sei in Archivio

POLIZIA

Parma, mancano agenti: Pizzarotti chiede un incontro al ministro dell'Interno

Nella lettera, il sindaco sottolinea che Parma è penalizzata rispetto ad altre città dell'Emilia-Romagna

19 gennaio 2018, 11:46

Parma, mancano agenti: Pizzarotti chiede un incontro al ministro dell'Interno

Forze di Polizia sotto organico a Parma: il sindaco Federico Pizzarotti ha scritto al ministro degli Interni Marco Minniti chiedendo un incontro.
Nella lettera inviata al ministro, il sindaco lamenta: "La Questura di Parma, con circa 193mila abitanti, conta 220 unità, a fronte delle 237 di Reggio Emilia con circa 171mila abitanti, mentre Forlì e Cesena, con una popolazione rispettivamente di 118mila abitanti e 97mila abitanti, possono contare su 309 unità. Trecento sono le unità assegnate a Ravenna con circa 160 mila abitanti e 370 a Modena con circa 185 mila abitanti”. Parma è fanalino di coda: una situazione che è andata peggiorando negli ultimi anni con il pensionamento di una trentina di unità, non sostituite. Si tratta di una carenza di organico, come precisa Pizzarotti, che è del 17.5 % rispetto all'organico tabellare e a fronte di una carenza media nazionale del 13,4 % a cui si aggiunge una carenza di – 64 % per la Polizia Postale".

Tutto questo - dice un comunicato del municipio - si ripercuote in modo negativo sulle problematiche della sicurezza in città. "Qualche anno fa – ricorda il sindaco a Minniti – la città era presidiata da almeno quattro volanti da tre agenti per turno. Oggi, per poter garantire almeno due volanti da due agenti per turno sul territorio – già di per sé insufficienti – si richiede uno spirito di sacrificio oltre il consentito".
Pizzarotti sottolinea come Parma sia sede dell'Efsa e della Scuola Europea, con realtà imprenditoriali di livello mondiale ed un comparto fieristico in grande espansione, a cui si aggiunge il fatto che i flussi turistici hanno registrato un incremento del 25% negli ultimi 4 anni. Per ovviare alla carenza di risorse, di mezzi e di uomini della polizia, il sindaco ha chiesto un incontro con il ministro, in modo da porre fine ad una situazione di emergenza, anche alla luce della positiva risposta ottenuta dallo stesso Ministro qualche mese con l'impiego a Parma del Reparto Prevenzione e Crimine per alcuni mesi. L'auspicio del primo cittadino è che la pianta organica della Polizia di Stato torni ad essere all'altezza delle aspettative dei miei cittadini e delle esigenze di una città che sta cambiando.