Sei in Archivio

TOTO-LISTE

Candidati Pd, entra la Caselli. La Maestri su Facebook: "Esclusa? Si diano comunicazioni ufficiali"

25 gennaio 2018, 15:16

Candidati Pd, entra la Caselli. La Maestri su Facebook:

Fra i «dem» locali c’è la consapevolezza che Matteo Renzi, nel giro di pochi giorni, vuole definire le candidature in tutti i collegi, ed è per questo che a breve dovrebbe essere organizzato a Bologna un incontro fra il segretario regionale, Paolo Calvano, e i vari segretari provinciali al fine di concordare i nomi da mettere in lista.

Contrariamente alle «indicazioni» del direttivo provinciale, non tutti i parlamentari uscenti del Partito democratico dovrebbero essere riconfermati, lasciando così spazio alla novità di questi giorni: la probabile candidatura di Simona Caselli, attuale assessore regionale all’Agricoltura.

A rimanere esclusa dalla campagna elettorale dovrebbe essere la deputata Patrizia Maestri, mentre il collega Giuseppe Romanini e il senatore Giorgio Pagliari sembrerebbero avviati verso la riconferma. Una riconferma con qualche modifica, in quanto Pagliari non dovrebbe essere ricandidato per un seggio a Palazzo Madama, ma per uno alla Camera nel collegio uninominale che comprende Parma e la Bassa est. Romanini, invece, dovrebbe rimanere in corsa per un seggio a Montecitorio, venendo candidato nel collegio uninominale comprendente Fidenza, Salso, la Bassa ovest, la montagna e la pedemontana. Nel toto-candidature ecco spuntare il nome della Caselli, che potrebbe essere candidata al Senato nel collegio che comprende la città, la Bassa est e parte della provincia di Reggio.

L’ultimo nome che circolava fino a ieri era quello di Paola De Micheli, piacentina e sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri, per un posto nel collegio che comprende Piacenza, Salso, Fidenza e la montagna Parmense.

PATRIZIA MAESTRI: "LA DIREZIONE PROVINCIALE HA PROPOSTO LA MIA RICANDIDATURA". Patrizia Maestri commenta sul suo profilo Facebook: 

Apprendo dalla stampa di una mia possibile esclusione dalla competizione elettorale del prossimo 4 marzo.
Per il momento non posso che attenermi alle decisioni della direzione provinciale del Pd Parma che ha proposto unanimemente la mia ricandidatura insieme a quella di Giorgio Pagliari e Giuseppe Romanini.
Chi dovesse assumere decisioni diverse, facendo prevalere logiche di “appartenenza”, immagino si sentirà in dovere di darne comunicazione ufficiale a me e al Pd di Parma che ci ha chiesto di essere in campo in prima persona nella prossima campagna elettorale.