Sei in Archivio

Pioltello

Disastro ferroviario, indagati i vertici di Rfi e Trenord

Si tratta di Maurizio Gentile, ad di Rfi, Umberto Lebruto, direttore di produzione di Rfi, Cinzia Farisè, ad di Trenord, e Alberto Minoia, direttore operativo di Trenord.

29 gennaio 2018, 18:48

Disastro ferroviario, indagati i vertici di Rfi e Trenord

La procura di Milano ha iscritto quattro persone nel registro degli indagati nell’inchiesta sull'incidente ferroviario di giovedì scorso nel milanese nel quale hanno perso la vita tre donne e altre 46 persone sono rimaste ferite. Nell’indagine, passata da ignoti a noti, l'ipotesi di reato principale è disastro ferroviario colposo. Si tratta di Maurizio Gentile, ad di Rete Ferroviaria Italiana, Umberto Lebruto, direttore di produzione di Rfi, Cinzia Farisè, ad di Trenord, e Alberto Minoia, direttore operativo di Trenord. In pratica i vertici delle due società.  La procura ha dato il via libera all'autopsia sul corpo delle tre donne morte nell'incidente: Giuseppina Pirri, Pierangela Tadini e Ida Maddalena Milanesi. Saranno presto iscritte nel registro degli indagati per la legge sulla responsabilità amministrativa degli enti anche Rete Ferroviaria Italiana e Trenord. 

L'iscrizione è un atto dovuto per consentire agli indagati di partecipare, tramite loro esperti, alla super consulenza e alle autopsie.