Sei in Archivio

lentigione

Immergas, la 'linea 1' di nuovo operativa dopo l'alluvione dell'Enza

06 febbraio 2018, 11:56

Immergas, la 'linea 1' di nuovo operativa dopo l'alluvione dell'Enza

Sono passati 55 giorni dall’esondazione del fiume Enza nel Reggiano, che aveva invaso anche lo stabilimento della Immergas a Lentigione di Brescello, e la produzione di caldaie sulla linea 1 è di nuovo pienamente operativa. «Stiamo bruciando le tappe e siamo in corsa per ritornare a pieno regime nell’arco di alcune settimane; sono confermati gli investimenti in Italia e all’estero e non ci saranno effetti sui livelli occupazionali», dice il presidente di Immergas, Alfredo Amadei.
L’occasione per fare il punto sulla ripartenza dopo l'alluvione e sui piani di sviluppo - riferiscono Gazzetta di Reggio e Resto del Carlino - è stata il 54/o anniversario dalla fondazione: il 5 febbraio 1964 Romano Amadei, Giuseppe Carra e Gianni Biacchi crearono Immergas, oggi tra i global player nel settore del clima domestico. «In questa giornata, per noi molto significativa, vogliamo ringraziare tutti quelli che stanno lavorando con noi per far tornare Immergas più forte di prima - commenta il presidente di Immerfin, Romano Amadei - Stiamo lavorando su molti fronti e la ripresa della produzione con l'avvio di molte funzioni vitali per Immergas, per clienti e fornitori ci lascia ben sperare per il 2018 e per i prossimi anni, che saranno all’insegna della crescita e dello sviluppo».
Immergas ha confermato la partecipazione dal 13 al 16 marzo a Milano alla Fiera Mce, la rassegna più importante per il settore del clima domestico: in quell'occasione saranno ufficializzati i piani di lavoro 2018, partendo dal nuovo Centro Ricerche e Sviluppo che era quasi pronto per il taglio del nastro prima dell’alluvione e che sarà completato in pochi mesi. Le caldaie prodotte in 54 anni sono oltre sei milioni e nuovi modelli e sistemi ibridi sono in fase avanzata di sviluppo. La forza lavoro del gruppo Immerfin supera le mille unità in Italia e all’estero, nei due stabilimenti di Poprad in Slovacchia, che ha recentemente raggiunto il traguardo del milione di caldaie prodotte, e di Qazvin in Iran.