Sei in Archivio

appennino

Prato Spilla, da sabato si scia. E si punta sul turismo delle crociere

di Beatrice Minozzi -

11 febbraio 2018, 15:17

Prato Spilla, da sabato si scia. E si punta sul turismo delle crociere

Conto alla rovescia per la riapertura della stazione turistica monchiese di Prato Spilla, dove sabato 17 prenderà il via la stagione invernale 2018.

La neve, infatti, non manca - il manto bianco raggiunge il metro e 30 centimetri di spessore - e anche se quest’anno la seggiovia Rio Spilla rimarrà ferma in attesa della revisione, gli sciatori, soprattutto quelli alle prime armi, potranno usufruire dei due tapis roulant della stazione.

Giovedì, infatti, la Provincia ha consegnato la struttura alla ditta Marigola Service di Sarzana, che si è aggiudicata il bando di gestione per un periodo di 6 anni rinnovabili per altri 6.

La squadra - composta da «veterani» monchiesi della stazione e new entry liguri - si è subito messa all’opera, iniziando a battere le piste e verificando lo stato dei tapis roulant per rimetterli finalmente in moto.

Pronti, ai nastri di partenza, anche i maestri di sci, che accompagneranno gli sciatori alle prime armi nelle loro prime esperienze con gli sci ai piedi, ma anche Parma Sport, che a Prato Spilla gestisce storicamente il negozio di articoli sportivi e il noleggio dell’attrezzatura sciistica.

Ma Prato Spilla non è una stazione turistica solo invernale. La nuova gestione, infatti, punta molto anche al periodo estivo, con pacchetti mari e monti collegati al turismo delle crociere, con escursioni per i croceristi che potranno tuffarsi nella natura della conca glaciale di Prato Spilla in compagnia della guide ambientali escursionistiche, oppure fare una pedalata con le biciclette a pedalata assistita oppure ancora provare l’emozione di cimentarsi nei percorsi acrobatico forestali di Forestavventura.

«Il 2018 sarà un anno di rodaggio - spiega Marco Barotti di Marigola - ma con tante iniziative che culmineranno sicuramente nel periodo estivo. La nostra idea rimane comunque quella di far tornare le persone a Prato Spilla, sia da Parma che dal versante ligure e toscano, perché è una stazione turistica che merita. Il nostro impegno sarà massimo, ed abbiamo già preso accordi con il Parco Nazionale dell’Appennino tosco emiliano e le guide ambientali escursionistiche del posto per stilare un calendario di escursioni che a cadenza settimanale permetteranno ai visitatori di venire a conoscere questi bellissimi luoghi in tutte le stagioni».

«Abbiamo tante altre idee e progetti - conclude Barotti - ma li presenteremo un poco alla volta, mano a mano che si concretizzeranno».