Sei in Archivio

MOTO

Valentino Rossi rinnova: correrà in Yamaha fino al 2020, alla soglia dei 42 anni

Rossi è il pilota di maggior successo nella storia della Yamaha

15 marzo 2018, 14:56

Valentino Rossi rinnova: correrà in Yamaha fino al 2020, alla soglia dei 42 anni

Valentino Rossi e la Yamaha insieme per altri due anni, fino al 2020, quando il pesarese avrà quasi 42 anni. L’annuncio arriva dalla scuderia giapponese alla vigilia del via del Motomondiale.

Valentino Rossi è il pilota di maggior successo nella storia della Yamaha con 56 vittorie, 43 secondi posti e 35 terzi posti in 206 gare. Quella che si apre domani sarà la 13ma stagione in sella alla Yamaha. «Dopo i sei podi dello scorso anno, compresa la brillante vittoria nel GP nei Paesi Bassi, il Team MotoGP Yamaha - fa sapere la scuderia - è fiducioso di proseguire nella collaborazione con Valentino Rossi e non vede l’ora di essere un serio concorrente per il titolo nel 2018 e nelle stagioni successive».

"GUIDARE MI FA STARE BENE". «Essere competitivi fino a 40 anni: è una sfida difficile ma sono pronto. Le motivazioni non mi mancano e per che ho firmato per altri due anni». Così Valentino Rossi dopo la firma biennale con la Yamaha, fino al 2020, che lo terrà in pista fino a quasi 42 anni.
«Quando ho firmato il mio ultimo contratto con Yamaha, a marzo 2016 - fa sapere il nove volte iridato in una dichiarazione pubblicata sul sito della Yamaha - mi sono chiesto se sarebbe stato l’ultimo contratto come pilota della MotoGp. A quel tempo, ho deciso di prendere una decisione nei due anni successivi e in questo periodo ho capito che volevo ancora essere un pilota della MotoGp, ma soprattutto guidare la mia M1, che è la cosa che mi fa sentire bene», ha aggiunto Valentino. «Avere l’opportunita» di lavorare con la mia squadra, con Silvano, Matteo e tutti i miei meccanici, nonchè con gli ingegneri giapponesi, Tsuji-san, Tsuya-san, è un piacere e sono felice», conclude il 'dottorè - Voglio ringraziare la Yamaha, Lin Jarvis e Maio Meregalli, per la loro fiducia in me».