Sei in Archivio

ALIMENTARE

Salame Felino Igp: nel 2017 crescono produzione e valore al consumo

16 marzo 2018, 13:22

Salame Felino Igp: nel 2017 crescono produzione e valore al consumo

I numeri premiamo il Consorzio di Tutela del Salame Felino IGP, eccellenza salumiera della Food Valley Parmense, dalla storia secolare. La produzione è cresciuta del 2%, attestandosi nel 2017 su un volume di 5,1 milioni di kg di carne lavorata. «Tutti tagli particolarmente pregiati, che non hanno subito alcun processo di congelamento prima della lavorazione e che provengono da maiali accuratamente selezionati», afferma con orgoglio il Presidente Carletto Ferrari.
Per quanto riguarda la distribuzione, anche nel 2017 la GDO si è confermata il principale canale di commercializzazione del Salame Felino IGP: assorbe il 65% della produzione. Segue, a distanza, il dettaglio tradizionale, che incide per circa il 25% del prodotto etichettato. Se si considerano invece le diverse referenze, ad essere premiato dai consumatori è innanzitutto il Salame Felino IGP intero: due Salami Felino IGP su tre venduti appartengono a questa categoria. In crescita è il segmento del pre-affettato, che nel 2017 ha raggiunto il 20% della produzione: un riflesso delle mutate abitudini di consumo, con il moltiplicarsi dei pasti fuoricasa e l’aumento di single e nuclei familiari di piccole dimensioni, che apprezzano prodotti ready-to-eat e dall’elevato contenuto di servizio.
Il Consorzio di Tutela del Salame Felino IGP raggruppa 14 produttori: se si considera anche l’indotto, il comparto garantisce lavoro a oltre 500 persone nel territorio della Provincia di Parma. Al consumo, il fatturato generato dal Salame Felino IGP nel 2017 è stato di 72 milioni di euro: la crescita a valore è in linea con quella dei volumi di produzione (+2% circa rispetto al 2016).
L’export del Salame Felino IGP, considerato tra le bandiere della produzione alimentare di qualità made-in-Parma, è pari al 20% del turnover complessivo. Italia a parte, è l’UE a importare i maggiori quantitativi di prodotto: i mercati principali coincidono con i primi Paesi di destinazione dell’export alimentare parmense, quindi Francia, Germania e Regno Unito. Se si considera l’area extra UE i maggiori estimatori del Salame Felino IGP sono Svizzera e Russia.