Sei in Archivio

VENERDI' 16 MARZO

Spia russa, Johnson accusa Putin: "Il veleno è arrivato da Mosca"

16 marzo 2018, 20:21

Spia russa, Johnson accusa Putin:

Continue novità e scambi di accuse nella vicenda del tentato avvelenamento a Salisbury dell’ex spia russa Skripal. Per gli investigatori inglesi l’agente nervino sarebbe stato messo nella valigia della figlia Yulia prima che partisse da Mosca. E il ministro degli esteri britannico Johnson punta il dito su Putin: 'enormemente probabile una sua decisionè al riguardo. Mosca sostiene che il veleno potrebbe provenire da Regno Unito o Usa, e apre un’inchiesta sull'avvelenamento della ragazza. La polizia inglese intanto ha aperto un fascicolo per omicidio sulla morte a Londra di Nikolai Glushkov, ex socio dell’oligarca anti-Putin Boris Berezovski. 'Solidarieta» di Gentiloni a May.

DI MAIO INSISTE SULLA PRESIDENZA DELLA CAMERA:  E’ CRUCIALE
SALVINI: COALIZIONE UNITA' MA E’ SCONTRO CON BRUNETTA

Il leader  M5S insiste nel rivendicare al Movimento la presidenza della Camera: una scelta 'crucialè perchè insieme col presidente del Senato saranno gli 'arbitrì per 'dirigere la partita dell’approvazione di buone leggì. Salvini ribadisce l'unità della coalizione di centrodestra: 'Con Fi c'è totale condivisione e sintonia. Stiamo lavorando a squadra e programma. Aspettiamo la convocazione di Mattarellà. Ma Brunetta: sei leader solo della Lega. Pubblicate le dichiarazioni dei redditi dei politici: nel 2016 Grillo ha moltiplicato di 6 volte i guadagni. Fra i ministri, Fedeli la più ricca. Macron e Merkel: il voto italiano ha scosso l’Ue, ci aspetta del lavoro.

 SEQUESTRO BONATTI PER FINANZIARE L’ISIS, 3 ARRESTI IN LIBIA
QUATTRO OPERAI ITALIANI RAPITI NEL 2015, DUE DI LORO MORIRONO

Tre cittadini libici, tutti appartenenti all’Isis, sono stati arrestati in Libia per il sequestro dei quattro operai della Bonatti, due dei quali morirono nel corso di un conflitto a fuoco. Fausto Piano, Salvatore Failla, Filippo Calcagno e Gino Pollicardo furono rapiti a Sabrata il 19 luglio del 2015. Piano e Failla morirono il 3 marzo del 2016. I tre hanno confessato, fra loro c'è anche l’autista che guidava il mezzo su cui viaggiavano gli italiani al momento del rapimento, che fu organizzato per finanziare l’organizzazione terroristica.

QUARANT'ANNI DAL SEQUESTRO MORO, POLEMICA SU VIA FANI E BR
GABRIELLI: E' UN OLTRAGGIO NOBILITARE I TERRORISTI IN TV

A 40 anni dal sequestro Moro, scoppia una nuova polemica sulla strage di via Fani in cui furono assassinati i 5 uomini della scorta del presidente della Dc e sui brigatisti intervistati in tv. Alla cerimonia sul luogo dell’agguato - dove è stato inaugurato un monumento - il capo della Polizia Gabrielli ha definito 'un oltraggio riproporre i terroristi in tv come se stessero discettando della verità rivelata, si confondono ruoli e posizionì. 'Chi ha sbagliato non diventi esempiò, gli fa eco il comandante dei Carabinieri Nistri. Il figlio di una vittima rimarca: 'Erano assassini, non mitì. Gentiloni: 'Fu il più grave attacco alla Repubblicà.

"LA P3 ERA UN’ASSOCIAZIONE SEGRETA", CONDANNATO CARBONI
ASSOLTO VERDINI, MA COLPEVOLE DI FINANZIAMENTO ILLECITO

Per i giudici della nona sezione penale di Roma la P3 fu una associazione segreta. Lo hanno affermato nella sentenza con cui hanno condannato, tra gli altri, a 6 anni e 6 mesi l’uomo d’affari Flavio Carboni. Assolto da questa accusa l’ex senatore Denis Verdini che però è stato condannato ad un anno e tre mesi per finanziamento illecito più il pagamento di una multa di 600mila euro. Prescrizione per scadenza dei termini per l’ex Governatore della Sardegna Ugo Cappellacci (abuso d’ufficio).

ACCUSA DI PECULATO ALL'EX PM INGROIA, SEQUESTRATI 151MILA EURO
INDAGINE SU RIMBORSI E INDENNITA'. LUI: HO RISPETTATO LA LEGGE

La Guardia di Finanza ha sequestrato oltre 151 mila euro all’ex pm di Palermo Antonio Ingroia nell’ambito dell’inchiesta che lo vede indagato per peculato. Da amministratore unico di Sicilia e Servizi, società a capitale pubblico che gestisce i servizi informatici della Regione siciliana, Ingroia avrebbe percepito indebitamente rimborsi di viaggio per 34mila euro e si sarebbe liquidato un’indennità di risultato sproporzionata: 117mila euro. Contestati anche cene e pernottamenti in hotel di lusso. Lui respinge le accuse: 'Ho rispettato la leggè.