Sei in Archivio

NEW YORK

Molestie: società del produttore Weinstein chiede fallimento

Sciolte le clausole di riservatezza a vittime e testimoni

20 marzo 2018, 12:50

(ANSA) - NEW YORK, 20 MAR - La Weinstein Company, la società del produttore Harvey Weinstein al centro dello scandalo delle molestie, ha fatto formale richiesta di bancarotta, avendo in mano un piano per vendere i propri asset ad una società di investimento. La società ha anche annunciato che libererà le vittime o i testimoni delle presunte molestie dagli accordi di non divulgazione. In un comunicato la società dice di aver tolto le clausole di riservatezza che hanno impedito di parlare alle persone che hanno "subito o sono state testimoni" di molestie. La società ha detto di aver raggiunto un accordo di vendita con la Lantern Capital Partners di Dallas, che è soggetto all'approvazione del tribunale fallimentare del Delaware.

© RIPRODUZIONE RISERVATA