Sei in Archivio

lutto

Addio a Mario Bertozzi: un legame speciale col fratello parroco

21 marzo 2018, 06:00

Profonda tristezza in città per la scomparsa a 83 anni del noto artigiano Mario Bertozzi.

Lo ha ricordato con affetto la nipote Claudia: «Mio zio era una persona molto socievole, con tantissimi amici. Aveva due grandi passioni: la montagna e il suo lavoro». Proprio la passione l’aveva spinto, dopo aver cominciato a lavorare come orologiaio, a diventare un piccolo imprenditore aprendo negli anni ‘60 una azienda, tuttora in attività in strada Martinella a Vigatto, che si occupa di coniare targhette, medaglie e icone metalliche, ideali per imprimere, con incisioni davvero raffinate, date ed eventi significativi per i clienti che le commissionavano.

«La fabbrica poi si è ingrandita- ha proseguito la nipote Claudia - ma mio zio aveva mantenuto la mentalità imprenditoriale di una volta: quella che mette al primo posto l'impegno quotidiano. E anche ultimamente, già malato, talvolta si recava nella fabbrica dicendo di avere delle pratiche da sbrigare. E’ stato tenace fino all’ultimo, non ha mollato fino al ricovero».

Claudia, comprensibilmente scossa, ha parlato anche dei fortissimi legami che intercorrevano tra lei e lo zio Mario: «Era legatissimo alla moglie Anna, e non avendo figli si era attaccato molto a noi nipoti. Ma in generale la famiglia di mio zio è sempre stata molto unita: erano quattro fratelli e si volevano davvero molto bene».

Tra i fratelli di Mario figura anche il parroco di Berceto, Don Giuseppe, profondamente scosso dalla sua perdita: «Sono talmente frastornato che non riesco a dire nulla», le uniche parole strappate al parroco.

La nipote Claudia ha ricordato anche come lo zio e il resto della famiglia mantenessero vivi i loro rapporti con una frequentazione assidua e affettuosa: «Finchè è stata viva la mamma, Maria Cavazzini, morta nel 2000, trascorrevano tutti insieme la domenica e le feste comandate ritrovandoci nella canonica di Berceto».

Ancora la nipote poi ha rammentato il carattere energico dello zio: «In montagna quando gli altri dovevano ancora indossare gli zaini lui aveva già scalato una cima. In particolare amava le Dolomiti».

I funerali di Mario Bertozzi si terranno oggi a Parma partendo dalla clinica delle Piccole Figlie alle 14.45 proseguendo per la stessa chiesa. La salma verrà poi tumulata nel cimitero della Villetta. Mario lascia la moglia Anna, il fratello Don Giuseppe, le sorelle Nina e Adriana, il cognato Giancarlo e le loro famiglie.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal