Sei in Archivio

ECONOMIA

La Fed alza i tassi di un quarto di punto

21 marzo 2018, 21:27

La Fed alza i tassi di interesse. Il costo del denaro sale di un quarto di punto portandoli in una forchetta fra l’1,50% e l’1,75%. Si tratta della prima stretta dell’anno e della prima dell’era Jerome Powell. Riviste al rialzo le stime di crescita per l’economia americana per il 2018 al 2,7% dal 2,5% di dicembre. Le "prospettive economiche si sono rafforzate" afferma la Fed al termine della due giorni di riunione. La disoccupazione calerà al 3,8% dal 3,9% stimato in dicembre.  L’inflazione - aggiunge la Fed al termine della due giorni di riunione - è attesa salire nei prossimi mesi e si stabilizzerà al 2% nel medio termine. 

I dazi sono stati uno dei temi della riunione della Fed, con la politica commerciale che è divenuta motivo di preoccupazione per le aziende. Lo afferma il presidente della Fed Jerome Powell, sottolineando che per ora cambi della politica monetaria non hanno prodotto effetto sulle prospettive economiche.

Wall Street procede positiva dopo la Fed. Il Dow Jones sale dello 0,67% a 24.890,99 punti, il Nasdaq avanza dello 0,36% a 7.392,43 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,33% a 2.725,89 punti.