Sei in Archivio

edicola

Alla scoperta del Lago di Garda con la Gazzetta di Parma

In edicola da domani al prezzo di 18 euro oltre il costo del quotidiano

di Antonio Bertoncini -

23 marzo 2018, 16:01

Un enorme tesoro naturale da scoprire ad un’ora d’auto da Parma: sono le vallate del lago di Garda, un modo «per sentire i profumi del Mediterraneo ai piedi delle Alpi, per immergersi nella natura e farsi conquistare dalle pagine scritte dalla storia».

Come fare ce lo spiega Andrea Greci, con il suo ultimo libro «Escursioni sul Lago di Garda», pubblicato da «Idea Montagna – editoria e alpinismo» nella collana «Sentieri d’autore», in partnership con la Gazzetta di Parma, che lo distribuirà in tutte le edicole a partire da domani per 40 giorni, al prezzo di 18 euro, oltre il costo del quotidiano.

«E’ il trentesimo libro di Andrea Greci che pubblichiamo», sottolinea Sabrina Schianchi della Gazzetta di Parma.

Già questo la dice lunga sul successo di un’operazione editoriale che oggi arriva a proporre la scoperta di una delle mete più care ai parmigiani, il Lago di Garda, appunto, con la sponda lombarda, l’alto Garda, la valle di Ledro, la valle del Sarca e la sponda veneta: tutto questo in 240 pagine che ci propongono ben 48 escursioni che Greci ha sperimentato una ad una, illustrandole con immagini che invogliano alla scoperta, e che ci portano dai 69 metri del lago ai 2.300 metri della Valdritta.

«Parliamo di qualcosa di straordinario - ha affermato Gabriele Balestrazzi nella presentazione alla libreria «Volta Pagina» - Greci ci regala immagini stupende e tanti consigli utili per vivere questo vero e proprio paradiso, questo mondo fiabesco immerso in un tempo sospeso».

«Il Garda - ha ricordato l’autore - è una meta privilegiata per molti parmigiani – da lì si possono fare arrampicate, escursioni in alta quota, passeggiate. E’ un ambiente che si può vivere in modo diverso in tutte le stagioni, con una straordinaria biodiversità e i segni della convivenza secolare fra uomo e natura, con panorami mozzafiato come la costiera sommitale del monte Baldo con la sua straordinaria fioritura».

L’editore Francesco Cappellari ha evidenziato il valore di un lavoro che va oltre la semplice guida per proporsi come strumento culturale.

Presente all'incontro anche Roberto Zanzucchi, vicepresidente del Cai, che ha parlato del modo di vivere la montagna, come ben indicato da Greci: conoscenza, sicurezza, ma anche natura e cultura «per vivere al meglio un’emozione unica calandosi nel meraviglioso mondo dei monti».