Sei in Archivio

Superiori

Studente di una scuola di Parma aggredisce l'educatore e gli rompe il naso

25 marzo 2018, 08:03

Mara Varoli

E' successo anche a Parma, là dove la scuola è riconosciuta per la sua eccellenza, per i suoi insegnanti, i suoi presidi, i progetti internazionali, le numerose attività di alternanza e i laboratori.

E' successo in un istituto superiore della città - di cui manterremo l'anonimato per tutelare il ragazzo minorenne -: venerdì mattina, nel corridoio della scuola, uno studente ha picchiato il professore, anzi il suo educatore, e lo ha mandato all'ospedale.

Un episodio violento, forse anche imprevedibile, di cui si fa fatica a parlare, ma che però non può essere rinchiuso dietro a una «porta», pur essendo isolato, almeno per il nostro territorio.

Ma cosa è accaduto più precisamente?

A metà mattina, mentre nell'istituto superiore le lezioni si svolgevano normalmente, lo studente 15enne era seduto al suo banco con a fianco l'educatore, che lo segue.

«A un certo punto al ragazzo è stato comunicato che dovrà fare un corso importante, che un giorno lo potrà aiutare a trovare anche lavoro - spiega l'educatore al telefono -. Ma il ragazzo si è innervosito, anche se non è stato il corso che ha scatenato tutto, in quanto i problemi sono diversi. Così ha cominciato a disturbare l'intera classe e a provocare l'insegnante. L'ho fatto uscire dall'aula e quando eravamo nel corridoio lui ha iniziato a inveire contro di me».

Erano le 11,30 e l'educatore non riusciva a tranquillizzare lo studente.

«Cercavo in tutti i modi di farlo calmare - continua l'educatore - e lui ha cominciato con le minacce che mi avrebbe picchiato, finché lo ha fatto: mi ha dato una testata al naso e me lo ha rotto».

A quel punto, gli altri insegnanti sono corsi in corridoio e mentre allontanavano lo studente, qualcuno ha avvertito il 118: «L'ambulanza mi ha trasportato al pronto soccorso del Maggiore e i medici mi hanno dato 15 giorni di prognosi», dice a malincuore l'educatore.

Un episodio che ha dell'incredibile anche se si tratta di un ragazzo certificato, che quindi ha già manifestato delle difficoltà.

In questi casi, infatti, le scuole attivano i servizi del Comune e gli studenti vengono seguiti dall'insegnante di sostegno e dall'educatore per un graduale inserimento nella scuola e per migliorare l'integrazione, oltre che la didattica.

Un sostegno fondamentale e complesso: «La scuola fa tanto per ragazzi con questi problemi, ma fa veramente tanto - insiste l'educatore -. Fa tanto per poter garantire una frequenza sicura a questi studenti. Ma purtroppo la scuola copre soltanto le cinque ore di lezione».

Nonostante la famiglia, «sì perché a volte è assente ma in questo caso è presente per una migliore gestione del figlio», prosegue l'educatore.

Questi ragazzi rappresentano casi delicati, in quanto possono sfogare le proprie difficoltà a scuola e lo sfogo a volte può essere aggressivo, ma negli istituti di Parma non era mai successo che qualcuno si facesse addirittura male.

E la scuola fa tanto davvero con numerose attività laboratoriali e didattiche: tanti i progetti per aiutare chi è in difficoltà affinché l'inserimento nella comunità scolastica abbia risultati positivi.

Ma ora quali provvedimenti disciplinari saranno presi? «Prima di tutto si avvisa la famiglia - risponde il preside dell'istituto superiore -, poi i servizi del Comune e il competente servizio Asl. La scuola per muoversi ha bisogno di una relazione dettagliata. Bisogna definire quello che esattamente è accaduto e nei primi giorni della settimana si farà il punto della situazione».

«Il problema - conclude il dirigente scolastico - è cercare di capire quando e come il ragazzo potrà riprendere serenamente la convivenza scolastica, ma anche come tutelare compagni di classe e personale scolastico».

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal