Sei in Archivio

CRIMINALITA' ORGANIZZATA

Beni sequestrati alla mafia: sono 471 in Emilia-Romagna, Parma al primo posto

Immobili e aziende sequestrate: Parma prima con 185, seconda Reggio Emilia (141 sequestri); seguono Bologna, Modena e Ferrara

27 marzo 2018, 21:39

Beni sequestrati alla mafia: sono 471 in Emilia-Romagna, Parma al primo posto

A Parma e provincia sono 185 i beni confiscati alla criminalità organizzata. Parma è al primo posto, per numero di sequestri, in Emilia-Romagna. E' quanto emerso oggi in un incontro a Bologna con il prefetto Ennio Mario Sodano, presidente dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e destinazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata, che ha presentato i dati a Bologna.
«Il 13 dicembre scorso, durante la conferenza dei servizi a Bologna, abbiamo lavorato su una sessantina di immobili già in confisca definitiva, tra questi c'era anche Villa Celestina: proprio ieri ho firmato il decreto che termina l’iter per la destinazione finale al Comune di Bologna», ha detto Sodano, che ha aggiunto: 
«Altri immobili arriveranno - ha aggiunto Sodano - perché sta andando avanti il processo Aemilia: anche da questo procedimento avremo un "pacchetto" di edifici e aziende che destineremo nel tempo».
Approfondimento anche sui dati regionali: sono 471 i beni sequestrati o confiscati in Emilia-Romagna in gestione all’Anbsc - spiega una nota - la maggior parte in provincia di Parma (185), Reggio Emilia (141), seguono Bologna (41), Modena (40) e Ferrara (33). Gli immobili già destinati sono 122, la maggior parte nelle province di Forlì-Cesena (27) e Rimini (25). Ottantotto le aziende sequestrate: 35 a Reggio Emilia, 18 a Modena.