Sei in Archivio

emiliaromagna

L'Emilia Romagna dice no a proposta taglio politiche coesione

28 marzo 2018, 15:20

BOLOGNA -  Contro la proposta della Commissione europea di tagliare drasticamente le risorse per le politiche di coesione, l'Emilia-Romagna ha rivendicato da tempo la necessità di aumentare le risorse per la cooperazione fra Regioni, per l'innovazione e per le risorse umane. Su questa posizione si sono ritrovati il Governo, le Regioni italiane e le principali reti di Regioni europee. Ed è stato questo il tema al centro del convegno 'La politica di coesione per il futuro dell'Europa' a Bologna.   Tra gli interventi quello di Eleni Marianou, segretario generale della Conferenza delle Regioni periferiche marittime, Tom Schulpen, direttore dei Programmi europei della Provincia di Nood Brabant (Vanguard Initiative), Stefan Pan, vice presidente di Confindustria e presidente del Consiglio di rappresentanze regionali e per le politiche di coesione territoriale, Peter Berkowitz, della Direzione generale per la Politica urbana e regionale, Claudio De Vincenti, ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, Maria Ludovica Agrò, direttore generale dell'Agenzia per la coesione territoriale.   "Le istituzioni locali devono indicare una prospettiva per il futuro delle politiche europee di coesione - ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, intervenendo al convegno - dobbiamo far comprendere quanto siano state importanti queste risorse negli anni della crisi. E' fondamentale ascoltare la voce dei territori, ai quali l'Europa deve guardare per politiche di innovazione, crescita dell'occupazione e coesione sociale". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA