Sei in Archivio

Mast Bologna

Gli scatti di quattro giovani su industria, territorio, tecnologia e lavoro

02 aprile 2018, 16:16

Al Mast di Bologna è visibile la mostra dei finalisti del concorso Gd4photoart: Sarah Cwynar e Sohei Nishino, (vincitori ex aequo della quinta edizione del premio), Mari Bastashevsky e Cristóbal Olivares.

I giovani fotografi hanno sviluppato un progetto originale e inedito per la Fondazione Mast con opere diverse tra loro ma legate dall’estrema attualità dei temi affrontati e dalla molteplicità dei mezzi di rappresentazione scelti.

Mari Bastashevski (San Pietroburgo, Russia, 1980), nel progetto Emergency Managers (Manager dell’emergenza) utilizza complesse installazioni fatte di fotografie, documenti, testi e interviste e indaga la crisi idrica della città di Flint che ebbe inizio nel 2013-2014. Il lavoro è inteso a mettere in evidenza la relazione tra funzionari statali e aziende che alimentano e sostengono le crisi nello status quo.

Sarah Cwynar (Vancouver, Canada, 1985) in Colour Factory (La fabbrica del colore) con un video e nove fotografie entra in un’azienda di cosmetici e all’interno dei meccanismi della produzione commerciale dei colori apre una riflessione più ampia sugli standard del colore, della bellezza e del capitalismo.

Sohei Nishino (Hyogo, Giappone, 1982) ha creato una rappresentazione del fiume Po a metà strada tra la mappa e il diorama, utilizzando una tecnica che ha sviluppato negli ultimi 10 anni per creare paesaggi urbani. Ha viaggiato lungo il corso del fiume scattando centinaia di foto che ha stampato, combinato insieme e disposto manualmente in grandi tableaux. Unendo micro e macro prospettiva ha ricavato un’immagine che da lontano sembra quasi astratta e da vicino compone una rappresentazione vivacissima e poetica del fiume, inteso come condizione fondamentale per l’esistenza.

Scopri le novità della sezione Fotografia