Sei in Archivio

LUTTO

E' morto Gian Paolo Porcari, storico commerciante di via Farini

07 aprile 2018, 07:02

Era abilissimo nel riparare borse e valige nel suo laboratorio attiguo al negozio «Paola & Gianna». Un negozio aperto un secolo fa sotto i portici dei Crociferi in strada Farini, a due passi da piazza Garibaldi, che ha sempre trattato lo stesso genere merceologico.

Gian Paolo Porcari, nota e stimata figura di commerciante, è deceduto nei giorni scorsi all’età di 74 anni.

Nativo di San Leonardo, il padre Nicandro fu per tanti anni custode del Macello di Cortile San Martino, dopo aver frequentato l’avviamento professionale, lavorò come litografo, dapprima alla «Sige», ed in seguito alla «Graphital» di Emilio Sodano.

Quando, nel 1985, la moglie Gian Paola rilevò il negozio di strada Farini, nel quale entrò come commessa nel 1959, Porcari, decise di mettersi dietro il banco affiancando la moglie ma occupandosi, soprattutto, del laboratorio dov’ era specialista nelle riparazioni.

Carattere molto riservato, assolutamente disponibile e generoso, persona raffinata, gentile e stimata dalla gente e dai clienti proprio per queste sue qualità che rispecchiavano quelle della sua famiglia, Gian Paolo, era fratello dell’indimenticato Luciano Porcari, scomparso nel dicembre del 2012, vessillifero della parmigianità, attore dialettale, autore di deliziosi versi in vernacolo, fine dicitore e «voce» in alcune orchestre parmigiane.

Marito e padre esemplare, era legatissimo alla famiglia: alla moglie Gian Paola, ai figli Massimo, ingegnere elettronico alla «Sidel», alla figlia Manuela che porta avanti l’attività familiare insieme alla madre e all’adorato nipotino Leonardo di 6 anni.

In gioventù si dilettava nella pesca e comunque, Gian Paolo, amava tantissimo la montagna ed il suo buen retiro di Valbona di Berceto dove, insieme alla famiglia, trascorreva quei momenti sereni che lo ritempravano.

E, proprio nella chiesetta di Valbona, rinnovò la promessa di matrimonio con la sua Gian Paola festeggiando i 50 anni di vita insieme. Dotato di una straordinaria forza d’animo ha sopportato la lunga malattia con coraggio, determinazione e tanta dignità senza mai lamentarsi circondato dall’affetto dei suoi cari che gli sono stati accanto fino all’ultimo.

Come pure manifestò sempre gratitudine ai chi lo curò amorevolmente come il medico curante Francesco Aielli, i medici del Day Hospital oncologico del Maggiore Gasparro e Militello, l’infermiera Letizia e la premurosa Lillia. I funerali si svolgeranno stamani alle 11.45 partendo dalla Sala del Commiato di viale Villetta 16/a per la chiesa parrocchiale di Santa Maria del Rosario in via Isola).

Lo. Sar.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal