Sei in Archivio

FOTOGRAFIA

Il mondo di Watson in cento immagini

Scatti in bianco e nero in mostra ai Musei di Palazzo dei Pio, a Carpi, dove lavorò fra scelte comunicative e d'immagine per il brand Blumarine

di Stefania Provinciali -

08 aprile 2018, 22:40

Fino al 17 giugno i Musei di Palazzo dei Pio di Carpi ospitano una mostra di Albert Watson (Edimburgo, 1942), considerato uno dei venti fotografi più influenti del nostro tempo. Il titolo della rassegna, Fashion, Portraits & Landscapes, ben definisce gli ambiti entro cui la sua arte si è sviluppata. Albert Watson, infatti, è universalmente riconosciuto come uno dei maestri della fotografia di moda; con oltre 100 copertine di Vogue e numerose campagne per le maggiori maison mondiali, dando corpo all’immagine dell’eleganza degli ultimi decenni.
L’esposizione, curata da Luca Panaro, ideata e prodotta dal Comune di Carpi – Musei di Palazzo dei Pio, in collaborazione con Carpi Fashion System e Blumarine col contributo di Fondazione CR Carpi, presenta un centinaio di immagini che ripercorrono una decina di anni di lavoro di Watson, tra gli anni Ottanta e i Novanta, quando il fotografo scozzese realizza ben dodici campagne per la griffe di Carpi.
Dall’altro lato, Watson si può anche considerare uno dei maggiori ritrattisti contemporanei; i suoi scatti a Keith Richards, Clint Eastwood, Barack Obama, Steve Jobs, solo per citarne alcuni, sono diventati delle vere e proprie icone. L’occhio del ritrattista è ben presente anche nelle campagne di moda, dove, da Naomi Campbell a una giovanissima Nadja Auermann fino a Cindy Crawford, riesce a rappresentare nel suo bianco/nero la personalità delle donne.
Infine, lo sguardo sul paesaggio, quello urbano e delle campagne, in cui emergono le scelte visive volte a rendere attraverso i contrasti e le luci, il sapore dei luoghi, dalla Scozia al deserto del New Mexico, fino a Londra, Los Angeles e Napoli.
A Carpi ha lavorato inserendosi nelle scelte comunicative e di immagine del brand Blumarine con un’allure sofisticata. Proprio dall’archivio dell’azienda provengono le fotografie e i book di queste campagne, oltre a un montaggio video di tutte le immagini.
Nato a Edimburgo nel 1942 Albert Watson, che vive e lavora a New-York, cresce nella sua città e, benchè cieco da un occhio, studia arti visive: fotografia, cinema e televisione e grafica. Si trasferisce nel 1970 negli Stati Uniti dove inizia la carriera di fotografo. Ha pubblicato oltre 200 copertine di Vogue e circa 40 di Rolling Stones dalla metà degli anni Settanta. Photo District News lo ha definito uno dei più importanti fotografi di tutti i tempi, assieme a Richard Avedon e Irving Penn. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, fra i quali il Lucie Award, il Grammy Award, l’Hasselblad Masters Award. Oltre a collaborare con le riviste più importanti, ha realizzato centinaia di campagne pubblicitarie e diretto oltre 500 spot per la televisione e numerosi manifesti per film di successo. La mostra è accompagnata da catalogo Marsillo editore.

Scopri le novità della sezione Fotografia