Sei in Archivio

Teatro Regio

Il Festival Verdi premiato a Londra: "Il migliore al mondo". Polemica Ferraris-Pizzarotti

Il sindaco Pizzarotti su Facebook: "E' il coronamento del percorso di rilancio del Festival"

10 aprile 2018, 02:35

Il Festival Verdi 2017 ha conquistato - si legge in una nota del Teatro Regio - il premio come “Miglior festival” agli International Opera Awards. "Ad assegnare il prestigioso premio - continua la nota -, ritirato dal Direttore generale del Teatro Regio di Parma Anna Maria Meo e dal Consulente per lo sviluppo e i progetti speciali Barbara Minghetti durante la cerimonia al London Coliseum, una giuria costituita da professionisti del settore presieduta da John Allison, critico musicale del Daily Telegraph e direttore della rivista Opera Magazine, considerata internazionalmente la rivista di riferimento nel mondo sull’Opera".

"A coronarne il successo del Festival - prosegue la nota - giunge ora il prestigioso premio, per il quale hanno concorso tra gli altri i festival di Bayreuth e Glyndebourne, insieme alle nomination nelle categorie New Production per Stiffelio nell’allestimento di Graham Vick e Young singer per Isabella Lee, vincitrice del Concorso Internazionale Voci Verdiane Città di Busseto, Violetta in Traviata al Teatro Giuseppe Verdi di Busseto".

Il sindaco di Parma -Federico Pizzarotti - su Facebook si è complimentato per il prestigioso riconoscimento. "Miglior Festival al mondo!  Aver vinto l'Awards  - scrive Pizzarotti - come miglior Festival nel 2017 è il coronamento di un percorso di rilancio del Festival Verdi iniziato esattamente 5 anni fa, quando da Festival quasi esclusivamente per i parmigiani lo abbiamo immaginato come un Festival di caratura internazionale, aprendo finalmente il Regio all'Europa e al mondo. Il percorso è ora definitivamente tracciato: da una situazione iniziale, nel 2012, di crisi e economica e di idee che poteva prefigurare il rischio fallimento della Fondazione Regio, grazie allo splendido lavoro di Meo, Minghetti e di tutti i dipendenti del teatro siamo riusciti a fare del Festival Verdi e del nostro Teatro due veri e propri palcoscenici vivi e internazionali. La vittoria agli Awards non è solo la vittoria del nostro Teatro, ma di un sistema Parma che ha posto le basi per il rilancio di una intera città, che vuole fare della cultura, della musica e delle sue eccellenze veri fiori all'occhiello. Per questo lo dico chiaro: questo successo non è la fine di un percorso, non è la chiusura di un ciclo di lavoro. È l'inizio di un importante cammino che vuole fare del Regio un protagonista sempre più internazionale. Stare tutti vicini al proprio Teatro e al Festival Verdi è esattamente quel che serve per proseguire in questo fondamentale obiettivo.

"Gli International Opera Awards  - conclude la nota del Teatro Regio - rappresentano la celebrazione dell’eccellenza dell’Opera nel mondo, con l’obiettivo di alzare sempre più il profilo artistico dell’opera quale forma d’arte, riconoscere e premiare il successo, stimolare e generare fondi per borse di studio destinate a giovani talenti".

Ma il tempo di gioire e per Pizzarotti si apre il fronte della polemica. Ad andare all'attacco è l'ex assessora alla Cultura Laura Maria ferraris, che commenta lo stesso post del sindaco di Parma e lo accusa di comportamento "becero o quantomeno misero".

"Un grande successo, senza dubbio e di cuore i complimenti più semplici e sinceri, - scrive Ferraris - ma per onestà intellettuale dimenticare il lavoro e le sofferenze di Carlo Fontana, Paolo Arcá e Luigi Ferrari e di chi si è esposto in prima linea senza paura degli attacchi strumentali, andando avanti o poi facendo un passo indietro per una precisa visione, può apparire davvero becero, o quantomeno misero. Ogni tanto, guardare indietro non guasterebbe. Per il resto W Verdi e W Parma.".

Nella sua replica Pizzarotti ha tentato la carta della riconciliazione: "Magari era per aspettare un commento come questo  ;)", "Magari, no", gli ha risposto gelida Ferraris.