Sei in Archivio

news

Occupazione, divario uomini-donne, Italia top Ue dopo Malta

23 aprile 2018, 14:00

BRUXELLES - Ci sono "considerevoli variazioni" tra i 28 nel tasso di occupazione femminile rispetto a quello maschile, con una media Ue sostanzialmente stabile di uno scarto di 11,5 punti percentuali nel 2017 2017 ma il divario sale in Italia a 19,8 punti, portandoci al massimo tra i 28, secondi solo a Malta.     Emerge dai dati Eurostat, da cui risulta che il Paese europeo con la minore differenza occupazionale tra uomini e donne è in Lituania dove il tasso di occupazione è del 75,5% per le donne e del 76,5% per gli uomini (1 solo punto percentuale), seguita da Finlandia (3,5 punti), Svezia (4 punti), e Lettonia (4,3 punti). Il Paese con lo scarto maggiore tra uomini e donne è invece Malta (26,1 punti), seguita dall'Italia (19,8 punti) e dalla Grecia (19,7 punti).  In media a livello Ue gli uomini occupati sono il 78% (un anno prima il 76,9%), mentre le donne il 66,5% (un anno prima il 65,3%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA