Sei in Archivio

WALL STREET

Martedì nero: i big del web a picco bruciano 88,4 miliardi

24 aprile 2018, 23:23

Martedì nero per i titoli tecnologici che affondano Wall Street, col Dow Jones che arriva a perdere 600 punti e il Nasdaq mai così in affanno nelle ultime settimane.
I cosiddetti FANG - l’acronimo per indicare i titoli di Facebook, Amazon, Netflix e Google, quelli che hanno dominato le contrattazioni negli ultimi 9 anni alla Borsa di New York - sono arrivati a perdere in un solo giorno ben 88,4 miliardi di dollari del loro valore. La perfomance peggiore è stata quella di Netflix che è arrivata a cedere il 5,1%, seguita da Alphabet di Google (con un picco negativo di -4,8%) e dai colossi di Jeff Bezos (-3,9%) e di Mark Zuckerberg (-3,5%). Male anche Apple che è arrivata a perdere l’1,7%.
Ma a pesare sull'andamento di Wall Street anche il rendimento dei titoli del tesoro americano a dieci anni, il più importante standard preso a riferimento per fissare il tasso dei mutui e di altri strumenti finanziari: rendimento che ha sfondato la soglia psicologica del 3% per la prima volta dal gennaio del 2014. Secondo gli osservatori il balzo in avanti potrebbe innescare una reazione negativa sui mercati finanziari, ed è dovuto sia ai segnali che indicano un aumento dell’inflazione sia alla possibilità che la Fed acceleri sulla strada del rialzo dei tassi quest’anno.
Sullo sfondo - spiegano gli analisti - ci sono anche le aspettative per un allentamento delle tensioni geopolitiche e per una possibile ricomposizione delle recenti tensioni commerciali, soprattutto tra Stati Uniti e Cina per la vicenda dei dazi e delle tariffe.
Intanto dopo che Donald Trump ed Emmanuel Macron hanno lasciato intravedere spiragli per un accordo sul nucleare dell’Iran sempre a New York è crollato il prezzo del petrolio. che ha chiuso a 67,70 dollari al barile (-1,4%). Ride invece Piazza Affari che chiude ai massimi da metà luglio del 2015, con l’indice Ftse Mib che ha superato i 24 mila punti.