Sei in Archivio

HAPPY BUS

Lega e Forza Italia contro i migranti in servizio davanti alle scuole

29 aprile 2018, 07:03

«Qualcuno dovrebbe spiegare al sindaco Pizzarotti che i servizi per l’infanzia servono ai bambini e non ai suoi esperimenti di ingegneria sociale per l’integrazione degli immigrati irregolari», lo dice il gruppo della Lega in consiglio Comunale nel presentare un’interrogazione sull’utilizzo di richiedenti asilo nel servizio di trasporto scolastico Happy Bus rivolto ai bimbi tra i 2 anni e mezzo e i 14 anni e nella vigilanza davanti alle scuole un tempo affidata ai nonni-vigile dell’Auser. Nell'interrogazione si chiede al sindaco quanti siano i migranti coinvolti, quali le loro mansioni, se parlino o meno l’italiano, che formazione specifica abbiano, se siano stati verificati eventuali precedenti penali, se sia previsto un supervisore, perché la presenza e attività dei richiedenti asilo non è stata inserita nel regolamento del servizio Happy Bus e perché non sono stati preventivamente informati i genitori.

«I richiedenti asilo – prosegue il Gruppo del Carroccio –, non sono rifugiati, ma sono migranti entrati illegalmente nel Paese e sono in attesa di sapere se l’Italia gli riconoscerà protezione umanitaria. Cosa che riguarda solo una minoranza di loro. Nella maggior parte dei casi, non si sa nemmeno chi siano veramente e alla fine dovranno essere espulsi».

Anche Francesca Gambarini, capogruppo di Forza Italia al consiglio comunale di Fidenza esprime il suo dissenso: «Pizzarotti sta lavorando sodo per scavalcare a sinistra il Pd. Pizzarotti è ovviamente liberissimo di fare la propria lunga campagna elettorale per le regionali ma non la faccia sulla pelle dei nostri ragazzi. Sostanzialmente questo progetto è una trovata pubblicitaria del sindaco Pizzarotti che sta cercando di lanciare il suo nuovo partito e si vuole accreditare come uomo nuovo della sinistra. E, quindi, va bene qualsiasi cosa: l'importante è accaparrarsi il voto dei radical chic e dell'estrema sinistra per conquistare un posto al sole (e un seggio in Regione). A rimetterci ancora una volta saranno i ragazzi parmigiani che vedranno venir meno una figura come quella del nonno vigile che ha sempre svoto egregiamente il suo lavoro».

Di tenore completamente opposto l'intervento di MarcoMaria Freddi, radicale, consigliere comunale eletto nella lista Effetto Parma: «Dell’intervento di Massimiliano Occhi in Consiglio Comunale e del post dell’onorevole Laura Cavandoli, non so più che dire, negano, convinti di non essere dei veri razzisti – sono rigorosamente cristiani cattolici praticanti - pertanto da oggi in poi li definirò semplicemente razzisti buonisti... Se non ci fossero gli immigrati oggi chi incolperebbero del declino economico e culturale del paese, del degrado della città? Le loro proposte vivono di odio verso il diverso e le loro visioni e proposte politiche guardano indietro nel tempo».

Anche Potere al Popolo ha scritto una nota al riguardo: «Onorevole Cavandoli, anche oggi vorremmo invitarla a tornare a scuola. Questa volta non per studiare la storia, ma per osservare i bambini e le bambine. Per imparare da loro che esiste una società formata da bimbi multietnici e colorati che giocano insieme. Pranzano insieme, studiano insieme e insieme all’entrata e all’uscita dalla scuola devono attraversare le strisce pedonali e per farlo cercano un adulto, oltre al genitore, che li aiuti. La storia continua ed è la storia di 15 uomini immigrati che hanno chiesto al Comune di Parma di poter fare servizio di vigilanza fuori dalle scuole... Noi crediamo che il male peggiore ai nostri bambini lo stia facendo lei, tutti i giorni, con le sue parole cariche di razzismo e odio».

r.c.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal