Sei in Archivio

news

Bilancio Ue: Regioni,per politica coesione rischio tagli 10%

03 maggio 2018, 13:40

BRUXELLES - "La politica di coesione rischia di essere frammentata e centralizzata. La proposta di tagliare del 10% o anche di più i fondi di coesione ridimensiona l'unica politica Ue che porta un vero valore aggiunto europeo alle regioni e alle città". Così il presidente del Comitato europeo delle Regioni (CdR), Karl-Heinz Lambertz, che si dice preoccupato dallo scenario descritto dalla Commissione Ue nella sua proposta per il prossimo bilancio dell'Unione, 2021-2027.   Un tale scenario "rischia seriamente d'indebolire la coesione dell'Europa per il prossimo decennio", attacca Lambertz in una nota. Riguardo alla politica agricola comune (Cap), il presidente del CdR sostiene che "il pilastro dello sviluppo rurale potrebbe essere tagliato di circa il 15%, e questo non permetterebbe alle regioni europee di raggiungere risultati su innovazione, inclusione e protezione dell'ambiente nelle aree rurali durante il prossimo decennio". La proposta di "aumento del bilancio Ue va nella giusta direzione, ma non è abbastanza", aggiunge Lambertz, che definisce "molto modesta" la crescita dall'1% all'1,11% del Rnl Ue proposta dall'esecutivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA