Sei in Archivio

Russia

Putin hockeista, 5 gol davanti alle telecamere

La sua squadra era imbottita di ex campioni . Gli avversari erano dei dilettanti

11 maggio 2018, 00:08

Vladimir Putin torna a far bella mostra di sé e delle sue doti sportive, vere o presunte. Indossati i pattini e una casacca rossa col numero 11, il 65enne presidente russo ha guidato la sua squadra di hockey verso il successo con un perentorio 12-7 realizzando la bellezza di cinque gol. La partita si è svolta a Sochi, nella splendida arena di ghiaccio del Bolshoi Ice Dom, naturalmente a favore di telecamera.

La vittoria della squadra del presidente russo era scontata. Innanzitutto perché Putin usa lo sport come strumento per dare di sé un’immagine di leader vincente, e quindi non poteva di certo perdere. E poi perché, giusto per evitare spiacevoli sorprese, la squadra del leader del Cremlino era rimpinzata di ex stelle del ghiaccio come Vyacheslav Fetisov, Aleksey Kasatonov, Valery Kamensky e Pavel Bure, anche noto come «il razzo russo». Ecco perché la squadra di Putin si chiama «Leggende dell’hockey», ed ecco perché ha avuto gioco facile contro gli avversari: una selezione dei dilettanti della Lega notturna di hockey, un campionato amatoriale nato nel 2011 proprio su iniziativa di Putin.

Il presidente russo ama farsi ritrarre come un hockeista provetto. Ha giocato persino nel giorno del suo 63esimo compleanno: il 7 ottobre del 2015, subito dopo aver annunciato in tv una massiccia offensiva in Siria con missili sparati anche dalle navi della flottiglia del Mar Caspio, si tolse le vesti da comandante in capo delle forze armate e indossò pattini e maglia della nazionale russa.