Sei in Archivio

Calciomercato

Milan, Gattuso fa chiarezza sul mercato

Alla vigilia dell'ultima partita di campionato contro la Fiorentina il tecnico rossonero anticipa cosa succederà in estate.

19 maggio 2018, 21:40

Il Milan chiude la stagione ospitando la Fiorentina, gara da vincere per centrare il 6° posto che garantirebbe la partecipazione diretta all'Europa League. Non certo l'obiettivo di inizio campionato, ma Gattuso deve accettare di fare di necessità virtù: "Sarà difficile. Loro non hanno tensione, hanno tanti giovani, la pressione l'avremo tutta noi. Domani inizierà il nostro campionato e non sto scherzando: saranno in 60.000 a sostenerci, se vinceremo chiuderemo sesti e sarà importantissimo anche in vista della prossima stagione, perché potremo andare a fare la tournée e lavorare a Milanello per due settimane mettendo benzina nelle gambe".

Qualche bilancio però si può già tracciare: "Di rimpianti ce ne sono, ma è inutile parlarne. Sia Vincenzo che con me la squdra ha perso punti, forse pareggiando in casa della Juventus qualcosa sarebbe cambiato, ma ci mancano soprattutto i 5 punti contro il Benevento. Certo, mi pesa non aver ripagato i 30.000 tifosi che erano venuti a Roma per la Coppa Italia. Però, considerando che abbiamo cambiato preparazione a stagione in corso e che non abbiamo più avuto molti infortunati possiamo essere soddisfatti".

L'argomento che stuzzica di più la tifoseria riguarda però il futuro. Tra mercato e attesa per le sanzioni Uefa, il popolo rossonero non è tranquillo. Gattuso non vende fumo. Neppure su Donnarumma: "Resterà il 90-95% della rosa, non arriveranno più di tre o quattro giocatori, magari elementi di esperienza, per rinforzare questa squadra di vuole questo, dobbiamo mettere malizia nella rosa. Vediamo cosa ci dirà l'UEFA e poi vedremo. Suso? Non vuole andare via, ma ha una clausola e questo può essere un problema".

"È un dato di fatto che a livello tecnico Gigio ha commesso qualche errore, ma per tutto quello che ha passato bisogna capirlo. È da un anno che si parla tutti i giorni di lui. Ci ha messo del suo ma bisogna lasciarlo tranquillo. È  un patrimonio della società, uno dei più forti portieri al mondo. Decideranno lui e la società cosa fare, devo ringraziarlo perché si sta impegnando".
 

Milan, Gattuso fa chiarezza sul mercato