Sei in Archivio

POLITICA

Pizzarotti: "Italia in Comune" alternativa ai populismi

20 maggio 2018, 20:35

La neo-nata formazione di «Italia in Comune vuole essere un’alternativa chiara e netta ai populismi del Movimento e della Lega, un’alternativa che oggi non c'è o si dimostra estremamente debole». E’ quanto sostenuto dal sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, presidente di "Italia in Comune" intervenendo alla convention laziale del partito in corso a Roma. Assise che segue quella emiliano-romagnola andata in scena lo scorso 5 maggio a Parma.
«Le forze alternative al populismo - ha sottolineato Pizzarotti - non fanno altro che litigare al loro interno, come è avvenuto durante l’ultima direzione del Pd, e non si rendono conto che strada allarmante sta prendendo l’Italia. Non riescono a fare sintesi, non hanno una visione di futuro precisa. E' arrivato invece il tempo di scegliere da che parte stare e proporre un cammino all’Italia diverso da quello che esprimono Lega e 5 Stelle. Pensiamo già alle prossime tornate elettorali - ha concluso il sindaco parmigiano - ad esempio alle regionali in Sardegna, Piemonte, Emilia-Romagna o Abruzzo: Italia in Comune c'è e vuole proporre la sua concreta idea politica».
E di "Italia in Comune" come «alternativa al populismo» ha parlato anche Alessio Pascucci, sindaco di Cerveteri e coordinatore nazionale del partito. «Questo - ha argomentato - è il momento storico per scendere in campo con un nuovo grande progetto che nasce dall’esperienza e dalla competenza per sfidare chi oggi soffia sul vento dell’odio e delle paure. Siamo pronti a sfidare il polo populista parlando di contenuti, a partire dai 40 miliardi di fondi tagliati in questi anni agli Enti Locali che sono la prima ed unica frontiera dei cittadini».