Sei in Archivio

seconda categoria

Calestanese a raffica: promossa

22 maggio 2018, 23:01

Una grande Calestanese vince la finale play-off contro la San Leo e si garantisce la promozione in Prima Categoria. Partita dalle mille emozioni, in particolar modo dopo l’intervallo, con una girandola di reti che fa divertire il numeroso pubblico assiepato sugli spalti ma che, al termine, fa festeggiare solo i sostenitori della squadra allenata da Corso. Proprio i padroni di casa si portano in vantaggio a metà della prima frazione: Andy Olari fa partire l’azione, passa il pallone a Mattia Allodi che poi rifinisce per Alex Olari, il quale batte imparabilmente il portiere avversario. La San Leo rientra in gara ad inizio ripresa, quando un tiro di Kissi incontra la deviazione decisiva di Tanzi: uno sfortunato autogol che vale l’1-1. La Calestanese non tergiversa e in breve tempo riorganizza il suo assetto per poi scatenarsi in dieci minuti di fuoco. Tra il 20’ e la mezz’ora arrivano ben tre reti della formazione locale, che ritorna in vantaggio con un colpo di testa di Mattia Allodi su traversone di Kenao. Pochi minuti più tardi Cristian Buffa, servito dal solito Mattia Allodi, sigla il 3-1 superando Giuberti in uscita. Il 4-1 porta la firma del neo-entrato Niccolò Cavatorta, che indovina la traiettoria giusta con una conclusione da fuori area. La San Leo non è ancora doma e riesce ad accorciare le distanze con Passani, che risolve una mischia e batte Bo per la seconda volta.

La formazione di Baudo è costretta a sbilanciarsi nel tentativo di rimontare e per la Calestanese si tratta di un vero e proprio invito a nozze: Niccolò Cavatorta finalizza al meglio un contropiede orchestrato da Alex Olari e ristabilisce i tre gol di divario tra le due squadre.

Nel finale, complice una certa rilassatezza di Tanzi e compagni, arrivano altre due reti della San Leo, che riesce a rendere meno amara la sconfitta, perlomeno dal punto di vista numerico. A tempo praticamente scaduto Lorenzo Allodi, entrato poco prima, trasforma un calcio di rigore, poi lo stesso numero diciotto fissa il punteggio in pieno recupero.