Sei in Archivio

primopiano

Privacy: già diversi ricorsi su consenso a trattamento dati personali

26 maggio 2018, 02:20

Privacy: già diversi ricorsi su consenso a trattamento dati personali
BRUXELLES - "Abbiamo già ricevuto i primi ricorsi sulle modalità di consenso" alla raccolta e al trattamento dei dati personali in base alle nuove regole Ue, abbiamo appena cominciato a controllare i file". Lo dice Andrea Jelinek, alla guida del board dei garanti dei 28 che da oggi deve controllare l'applicazione uniforme nell'Ue del Gdpr. "Solo se richiesto correttamente e in modo comprensibile per la gente - dice - è giusto, invece se il consenso è forzato allora non c'è nessun consenso" e soprattutto su questa base "non si può privare la gente dei servizi. Va valutato caso per caso".   “Abbiamo già ricevuto in Austria un primo caso su Facebook in relazione al consenso al trattamento dei dati personali” legato alle nuove regole Ue sulla privacy entrate in vigore oggi. Lo ha affermato la garante della privacy austriaca Andrea Jelinek che è ora presidente del board dei garanti dei 28, il neonato Edpb, che deve garantire nell'Ue la corretta applicazione del Gdpr. "È un caso nuovo, non ha niente a che vedere con lo scandalo Cambridge Analytica”, ha precisato. Per altri eventuali casi transfrontalieri, invece, sarà il Garante irlandese a occuparsene in quanto è in Irlanda che Facebook ha la sua sede europea principale.   “Continueremo il nostro lavoro con gli stati membri e monitoreremo da vicino l'applicazione del regolamento” sulla privacy nei 28, e “prenderemo azioni appropriate se necessario, incluso il ricorso a procedure d'infrazione”. È l'avvertimento lanciato dalla commissaria Ue alla giustizia Vera Jourova in occasione dell'entrata in vigore della stretta sulla privacy, dopo che solo circa una metà degli stati membri si è presentata pronta all'appuntamento. Jourova ha quindi “inviato una lettera questa mattina ai ministri” europei, “così c'è piena chiarezza su questo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA