Sei in Archivio

CONSIGLIO COMUNALE

Rivoluzione slot: 252 sale e bar dovranno spostarsi o togliere le "macchinette"

28 maggio 2018, 19:14

Rivoluzione slot: 252 sale e bar dovranno spostarsi o togliere le

E' in corso la riunione del Consiglio comunale di Parma. Fra le delibere in calendario, quella sulle slot machine in città. 

Il Comune spenderà 150mila euro per risistemare alcuni punti di piazzale Dalla Chiesa che sono dissestati. L'assessore all'Urbanistica Michele Alinovi ha annunciato che il Comune ha deciso di intervenire anche se ha contestato lavori male eseguiti all’impresa costruttrice, su cui intende rivalersi. 

Il restauro delle torri del Battistero non sarà finito prima di un anno. In tempi brevi, entro l’estate verranno invece smontate le impalcature sul lato Nord del Duomo, dove i lavori sono ormai conclusi. Lo ha detto l’assessore Michele Alinovi rispondendo alla leghista Laura Cavandoli. Alinovi ha annunciato poi che le verifiche statiche hanno rivelato che il resto del Battistero è in buone condizioni. I lavori sono a carico della Fabbriceria senza contributi del Comune. 

Bandiera della Pace in Consiglio: scontro Lega-Pizzarotti. Scontro sull’esposizione della bandiera della Pace durante la discussione di una mozione sulla Siria. Il gruppo leghista ha chiesto che venisse fatta ripiegare dal presidente Campanini, richiamando il regolamento che vieta l’esposizione di simboli in aula. Dopo la rimozione Pizzarotti ha replicato duramente alla Lega, dicendo che più che il regolamento dovrebbe contare il buonsenso e che i divieti esistono solo nei regimi. Il consigliere Freddi ha poi preso la bandiera e l’ha messa sulle spalle di Nadia Buetto durante il suo intervento. 

Asfalto: a giugno al via i lavori. Le asfaltature delle strade comunali partiranno a giugno e dureranno fino a ottobre. Si partirà dalle strade come via Europa e via Vallazza, per poi passare anche a quelle più piccole. Ci sono però problemi per i marciapiedi, a causa dei lavori per la fibra ottica che il Comune, ha detto l'assessore Alinovi, ha contestato a Open Fiber nell'esecuzione dei cantieri. Dunque alcuni lavori potrebbero essere posticipati per evitare scavi successivi non previsti. 

Richiedenti asilo nel centro estivo per disabili: polemica in Consiglio. Nel centro estivo per disabili del Comune i richiedenti asilo affiancheranno gli operatori. E’ una scelta, secondo l’assessore Laura Rossi, che ha risposto alle perplessità espresse dalla leghista Laura Cavandoli, pienamente in linea con le normative nazionali e senza forzature. La Cavandoli ha risposto che si tratta di un’imposiziobe che coinvolge persone potenziali clandestini senza giustificazione. 

Sarà una rivoluzione nel mondo delle slot. Entro fine anno ben 252 fra bar e sale slot dovranno traslocare oppure togliere le slot a causa della nuova norma urbanistica del Comune unita alla legge regionale che impone 500 metri di distanza da scuole, ospedali e altri insediamenti. La delibera sta per essere votata ma tutti i gruppi si sono detti d’accordo.  E’ passata con 25 si e 4 astenuti (i consiglieri della Lega) la delibera che importa entro fine anno lo spostamento oppure la soppressione delle slot al proprio interno di 252 fra bar e sale slot sulle 259 presenti nel comune di Parma. La Lega ha motivato l’astensione col fatto che la delibera, pur positiva, è stata fatta dalla Giunta in totale autonomia senza coinvolgimento dei gruppi consigliari. La delibera entra da subito in vigore e presto partiranno le lettere di avviso alle 252 attività coinvolte con l’indicazione dei luoghi in cui è permesso insediarsi.

Decoro urbano, ampliate le aree in cui i vigili possono fare multe e provvedimenti Cambia dopo due anni il regolamento della polizia urbana: ci sarà un giro di vite con divieto di consumo di bevande alcoliche in bottiglia o lattina in tutte le aree verdi. Si potrà multare e sanzionare anche chi si droga fino a una distanza di 300 metri da tutte le scuole della città, in tutto il centro storico, nella zona della stazione. Multe e allontanamenti  per i trasgressori, mentre per gli esercenti che non rispettano le regole sulla vendita di alcolici o merce contraffatta: previste anche chiusure fini a 3 mesi dell’attività.